COME TI POSSIAMO AIUTARE?

Centralino
+39 02 8224 1

Se hai bisogno di maggiori informazioni contattaci telefonicamente

Prenotazioni Private
+39 02 8224 8224

Prenota una visita in privato o con assicurazione telefonicamente, oppure direttamente online

Centri

IBD Center
0282248282
Dipartimento di Gastroenterologia
02 8224 8224
Ortho Center
02 8224 8225
Cancer Center
02 8224 6280
Fertility Center
02 8224 4646
Centro Odontoiatrico
0282246868
Cardio Center
02 8224 4330
Centro Obesità
02 8224 6970
Centro Oculistico
02 8224 2555

Colon irritabile in primavera, tre consigli per combatterlo

Con l’arrivo della bella stagione alcuni pazienti lamentano fastidi e dolori addominali, ne parlano gli specialisti di Humanitas. 

La colite tipica della stagione primaverile è quella che si definisce più comunemente sindrome del colon irritabile e il cambiamento di stagione sembrerebbe in effetti una possibile causa di riacutizzazione.

I pazienti che ne soffrono lamentano dolore addominale, stitichezza o diarrea (che spesso si presentano alternate), crampi, gonfiore e muco nelle feci.

Tre consigli per contrastarlo

È fondamentale bere almeno due litri d’acqua al giorno, possibilmente naturale perché i gas aumentano la sensazione di gonfiore e il meteorismo, e meglio se lontano dai pasti.

È bene poi dedicarsi a una costante attività fisica, benefica anche per la salute dell’intestino.

Per quanto riguarda l’alimentazione, è importante consumare fibre, soprattutto frutta e verdura. Queste vanno bene sia cotte che crude, ma chi soffre di intestino irritabile è bene non ecceda nel consumo di quegli alimenti che portano alla maggior produzione di quantità di gas. Ne sono un esempio: legumi (che si possono però preferire decorticati), cavolfiori, funghi, porri e broccoli, che possono causare gonfiore addominale. Da limitare anche il consumo di frutta secca ed è consigliabile evitare di mangiare frutta subito dopo i pasti, essendo molto zuccherina infatti fermenta di più e conferisce disturbi e fastidi. 

Visite ed esami

I numeri di Humanitas
  • 2.3 milioni visite
  • +56.000 pazienti PS
  • +3.000 dipendenti
  • 45.000 pazienti ricoverati
  • 800 medici