COME TI POSSIAMO AIUTARE?

Centralino
+39 02 8224 1

Se hai bisogno di maggiori informazioni contattaci telefonicamente

Prenotazioni Private
+39 02 8224 8224

Prenota una visita in privato o con assicurazione telefonicamente, oppure direttamente online

Centri

IBD Center
0282248282
Dipartimento di Gastroenterologia
02 8224 8224
Ortho Center
02 8224 8225
Cancer Center
02 8224 6280
Fertility Center
02 8224 4646
Centro Odontoiatrico
0282246868
Cardio Center
02 8224 4330
Centro Obesità
02 8224 6970
Centro Oculistico
02 8224 2555
Centro Diagnostico Privato
02 8224 2100

CO2 e zero emissioni: così Humanitas riduce l’impatto ambientale

Le strutture sanitarie registrano consumi energetici tra i più alti nel settore terziario, a causa dei macchinari speciali di cui sono dotate e delle peculiarità degli spazi che le compongono, si pensi, ad esempio, a sale operatorie o laboratori di ricerca, il cui fabbisogno di energia elettrica e termica è molto elevato.
Nonostante queste esigenze strutturali, l’Istituto Clinico Humanitas da tempo è impegnato nella ricerca di soluzioni concrete per offrire un contributo significativo in termini di sostenibilità ambientale.

Gli impianti di trigenerazione

Circa il 60% del consumo totale di energia dell’Ospedale è a carico dell’impianto di condizionamento, ovvero l’insieme di tutti gli impianti che permettono di regolare la temperatura e l’umidità, nonché la circolazione e la purezza dell’aria. Tra le soluzioni più interessanti per far fronte, in modo maggiormente sostenibile, a questi bisogni energetici vi sono gli impianti di trigenerazione: Istituto Clinico Humanitas attualmente ne utilizza due e grazie a essi, annualmente, riesce a risparmiare circa 1800 TEP (Tonnellata Equivalente di Petrolio), che equivalgono a un risparmio di 4.500 tonnellate di CO2.

Il processo di trigenerazione permette di trasformare il calore, solitamente scartato, in una preziosa risorsa. Infatti, gli impianti di trigenerazione, alimentati a metano, producono energia elettrica e, successivamente, il calore prodotto dal motore viene catturato e convertito in energia termica e frigorifera. Ciò significa che con un singolo metro cubo di metano è possibile produrre energia elettrica, energia termica ed energia frigorifera, ottenendo un significativo risparmio energetico rispetto all’ipotesi di produrle separatamente. Questa tecnologia è considerata, dunque, una fonte di energia ad alto rendimento e tra i suoi principali vantaggi c’è proprio la riduzione dell’impatto ambientale.

Geotermia: una preziosa fonte di energia rinnovabile

L’ospedale è, inoltre, dotato di un pozzo geotermico usato per la produzione di energia frigorifera, indispensabile per il raffreddamento degli ambienti e delle macchine elettromedicali che la struttura possiede. Il funzionamento di questi pozzi è basato sulla geotermia, considerata una risorsa energetica rinnovabile tra le più promettenti in ottica di riduzione del consumo di elettricità e di emissioni di CO2.

Fiore all’occhiello del polo ospedaliero è, infine, il Campus di Humanitas University, dove l’energia elettrica e quella frigorifera sono prodotte interamente utilizzando il calore del sottosuolo, il che si traduce in una produzione in loco di CO2 pari a zero.

Tutti questi elementi rappresentano degli importanti passi fatti da Humanitas verso una gestione sempre migliore del suo impatto ambientale.

I numeri di Humanitas
  • 2.3 milioni visite
  • +56.000 pazienti PS
  • +3.000 dipendenti
  • 45.000 pazienti ricoverati
  • 780 medici