COME TI POSSIAMO AIUTARE?

Centralino
+39 02 8224 1

Se hai bisogno di maggiori informazioni contattaci telefonicamente

Prenotazioni Private
+39 02 8224 8224

Prenota una visita in privato o con assicurazione telefonicamente, oppure direttamente online

Centri

IBD Center
0282248282
Dipartimento di Gastroenterologia
02 8224 8224
Ortho Center
02 8224 8225
Cancer Center
02 8224 6280
Fertility Center
02 8224 4646
Centro Odontoiatrico
0282246868
Cardio Center
02 8224 4330
Centro Obesità
02 8224 6970
Centro Oculistico
02 8224 2555

Cataratta, se la lente si appanna

 

 

Se già dopo i 60 anni la cataratta è frequente, dopo aver spento 75 candeline ne soffrono ben 95 anziani su cento. Ma di cosa si tratta esattamente? “La cataratta non è altro che l’opacizzazione del cristallino – risponde il dottor Marco Gramigna, specialista di Humanitas Centro Oculistico -, cioè della lente che all’interno dell’occhio ha la funzione di mettere a fuoco le immagini da proiettare sulla retina. A provocarla, nella stragrande maggioranza dei casi, è l’invecchiamento che fa aggregare tra loro le proteine del cristallino e soprattutto le espone a processi di ossidazione, come se arrugginissero.

Per questo un’alimentazione sana e ricca di frutta e verdura può contribuire a prevenire il fenomeno, che è favorito anche dall’esposizione prolungata ai raggi ultra violetti, dal diabete, dal fumo. Ed ecco perché è importante anche usare sempre gli occhiali da sole, tenere sotto controllo la glicemia ed evitare di fumare”. Nel 5% dei casi, tuttavia, la cataratta compare in persone più giovani: in questi casi la malattia può essere congenita o essere causata da farmaci, traumi o malattie.

 

Quali sono i sintomi della cataratta?

Il sintomo più comune è l’annebbiamento progressivo della vista, cui possono associarsi altri segni come un abbagliamento alla luce frontale, un curioso iniziale miglioramento della vista, specialmente da vicino, e talvolta uno sdoppiamento dell’immagine nella visione con un solo occhio. “Anche in assenza di questi disturbi è bene tuttavia, dopo i 60 anni, sottoporsi a un controllo periodico dall’oculista – raccomanda il dottor Gramigna -, che potrà facilmente diagnosticare la malattia esaminando l’occhio con gli strumenti adatti”.

 

Come si cura la cataratta?

L’unico trattamento attualmente disponibile è la chirurgia. L’intervento consiste nell’asportazione della porzione opacata del cristallino e nell’impianto di una lente sostitutiva di materiale plastico (cristallino artificiale o IOL, Intra Ocular Lens). È un intervento eseguito con microscopio operatorio, in anestesia locale, semplicemente con gocce di collirio anestetico.
L’operazione è indolore, dura 15-20 minuti e richiede una sufficiente collaborazione del paziente. Nella stragrande maggioranza dei casi non sono necessari punti di sutura. L’occhio resta protetto un solo giorno e già dopo alcuni giorni si ha un sufficiente recupero visivo, che è completo dopo 10-15 giorni. Dopo un tempo variabile da mesi ad anni è possibile che si verifichi l’opacizzazione della capsula, che viene volutamente lasciata per alloggiare il cristallino artificiale (cataratta secondaria). “In questi casi – conclude l’esperto – un veloce trattamento ambulatoriale, in anestesia locale, indolore, con uno specifico laser (YAG laser) risolve il problema definitivamente”.

I numeri di Humanitas
  • 2.3 milioni visite
  • +56.000 pazienti PS
  • +3.000 dipendenti
  • 45.000 pazienti ricoverati
  • 800 medici