COME TI POSSIAMO AIUTARE?

Centralino
+39 02 8224 1

Se hai bisogno di maggiori informazioni contattaci telefonicamente

Prenotazioni Private
+39 02 8224 8224

Prenota una visita in privato o con assicurazione telefonicamente, oppure direttamente online

Centri

IBD Center
0282248282
Dipartimento di Gastroenterologia
02 8224 8224
Ortho Center
02 8224 8225
Cancer Center
02 8224 6280
Fertility Center
02 8224 4646
Centro Odontoiatrico
0282246868
Cardio Center
02 8224 4330
Centro Obesità
02 8224 6970
Centro Oculistico
02 8224 2555

Cataratta, acqua e vitamine per un cristallino in salute

Un adeguato apporto di liquidi e vitamine è uno degli elementi chiave per tenere gli occhi in buona salute, cristallino in primis.

Ad affermarlo è il professor Paolo Vinciguerra, Responsabile del Centro Oculistico di Humanitas, ospite in studio a Tempo e Denaro su Rai1.

“La cataratta è un processo di opacamento del cristallino, una lente interna all’occhio che consente di mettere a fuoco da lontano e da vicino. Il disturbo è più frequentemente legato all’avanzare dell’età; tra gli altri fattori di rischio: l’esposizione a radiazioni, diabete, traumi, assunzione di cortisone (che altera il metabolismo) e infezioni dell’occhio”, spiega il prof. Vinciguerra.

Sintomi e chirurgia

Il sintomo principale è l’annebbiamento progressivo, a volte con abbagliamento alla luce frontale, e sdoppiamento delle immagini.

“C’è stata una grande evoluzione nel trattamento della cataratta. Ci sono due metodiche: una con gli ultrasuoni e una con laser robotizzato. In generale, i risultati sono ottimi e l’intervento è sicuro. Si pensi che secondo una ricerca dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, l’intervento di cataratta è il più sicuro in assoluto ed è anche l’intervento più praticato al mondo, solo in Italia gli interventi sono mezzo milione all’anno”, racconta il professore.

Guarda l’intervista al professor Vinciguerra dal minuto 31.50, clicca qui.

I numeri di Humanitas
  • 2.3 milioni visite
  • +56.000 pazienti PS
  • +3.000 dipendenti
  • 45.000 pazienti ricoverati
  • 800 medici