COME TI POSSIAMO AIUTARE?

Centralino
+39 02 8224 1

Se hai bisogno di maggiori informazioni contattaci telefonicamente

Prenotazioni Private
+39 02 8224 8224

Prenota una visita in privato o con assicurazione telefonicamente, oppure direttamente online

Centri

IBD Center
0282248282
Dipartimento di Gastroenterologia
02 8224 8224
Ortho Center
02 8224 8225
Cancer Center
02 8224 6280
Fertility Center
02 8224 4646
Centro Odontoiatrico
0282246868
Cardio Center
02 8224 4330
Centro Obesità
02 8224 6970
Centro Oculistico
02 8224 2555

Carotide: i sintomi della stenosi carotidea

La carotide è una delle arterie principali del corpo umano, deputata a rifornire di sangue la testa e il collo.

Si parla di stenosi carotidea in presenza di un restringimento della carotide causato da ispessimenti della parete (le cosiddette placche), che ostruiscono i vasi sanguigni e che inficiano il corretto apporto di sangue al cervello.

La stenosi carotidea può essere asintomatica e pertanto non essere individuata finché la situazione non è già grave, come accade per esempio in caso di ictus cerebrale (in cui una zona del cervello non riceve più ossigeno) o di attacco ischemico transitorio (o TIA – una temporanea mancanza di sangue al cervello).

Parliamo di stenosi carotidea con la professoressa Mariagrazia Bordoni, responsabile della Chirurgia Venosa Complessa e degli Accessi presso l’IRCCS Istituto Clinico Humanitas Rozzano e specialista in chirurgia vascolare presso i centri medici Humanitas Medical Care.

Stenosi carotidea: i sintomi

La stenosi carotidea è molto spesso asintomatica. Quando i sintomi si manifestano, possono essere già piuttosto severi e non sempre sono reversibili. 

Sono disturbi legati a uno scarso flusso di sangue in alcune aree cerebrali, che si presentano in forma anche molto differente tra loro: possono aversi sintomi come difficoltà a parlare, difficoltà a muovere un braccio, a muovere una gamba o entrambe, fino ad arrivare a quadri di manifestazione molto complessi. 

I disturbi possono anche risolversi nel giro di pochi minuti (come nel caso di attacco ischemico transitorio – TIA), ma spesso provocano un danno permanente.

Carotide: le cause del restringimento

La principale causa della stenosi carotidea è l’aterosclerosi, una malattia della parete delle arterie causata dall’accumulo di colesterolo, grassi e altri depositi di materiale, con la conseguente formazione di placche e minor elasticità della parete. 

In alcuni casi la placca cresce a tal punto da chiudere completamente l’arteria, impedendo in questo modo il flusso del sangue; in altri, la placca è formata da materiale piuttosto friabile dal quale possono staccarsi alcuni frammenti che finiscono nel sangue e raggiungono il cervello, andando a chiudere le arterie più piccole. In entrambi i casi il risultato è una riduzione di flusso di sangue al cervello e l’origine di un’ischemia.

I principali fattori di rischio che favoriscono l’aterosclerosi e dunque espongono a un maggior rischio di stenosi carotidea sono:

Le persone adulte che presentano importanti fattori di rischio o che hanno avuto già problemi cardiovascolari devono essere indirizzati a uno screening anche del distretto arterioso delle carotide

Cardiologo, chirurgo vascolare e diabetologo nel corso della visita valuteranno la possibilità che ci sia un interessamento delle carotidi in base alla storia clinica e alla presenza dei fattori di rischio. 

In assenza di precedenti significativi e nel caso in cui il paziente abbia superato i 45-50 anni di età, si potrà sottoporre a una visita di valutazione iniziale da parte del chirurgo vascolare. In caso sia seguito periodicamente dal cardiologo o dal diabetologo, saranno questi specialisti a indicare se e quando un controllo sarà opportuno.

Ecocolordoppler dei tronchi sovraortici: come funziona l’esame

L’esame che consente una diagnosi precisa sulla presenza e sull’entità di una stenosi della carotide è l’ecocolordoppler dei tronchi sovraortici

L’ecocolordoppler è un esame ecografico che studia la struttura della parete delle arterie e controlla il flusso di sangue al suo interno. Consente di riconoscere la presenza di placche, la loro caratteristica, la percentuale di stenosi che causano e l’eventuale variazione al flusso di sangue. Questi dati, associati alla visita del paziente, permettono di indirizzare verso la corretta terapia e i controlli necessari. 

Un approfondimento, generalmente con una angio TC dei vasi del collo, è necessario solo in casi particolari o di dubbio diagnostico. 

Come curare la stenosi carotidea?

In caso di stenosi asintomatica occorre innanzitutto tenere sotto controllo i fattori rischio. Pertanto è necessario:

  • tenere sotto controllo la pressione, il colesterolo e la glicemia 
  • mantenere un buon livello di attività fisica
  • controllare il peso corporeo
  • smettere di fumare.

Se la stenosi supera il 70%, le linee guida suggeriscono un trattamento chirurgico oppure endovascolare (usando cateteri e stent, come per le arterie coronarie), a seconda delle caratteristiche del paziente, della sua storia clinica e delle caratteristiche della placca e dell’arteria da trattare. 

Il trattamento di stenosi che hanno provocato sintomi è più complesso: in presenza di attacco ischemico transitorio o ictus la decisione per un eventuale trattamento nasce dal confronto multidisciplinare tra neurologi, che in genere per primi vedono il paziente, chirurghi vascolari e neuroradiologi.

Specialista in Chirurgia Vascolare

Visite ed esami

I numeri di Humanitas
  • 2.3 milioni visite
  • +56.000 pazienti PS
  • +3.000 dipendenti
  • 45.000 pazienti ricoverati
  • 800 medici