COME TI POSSIAMO AIUTARE?

Centralino
+39 02 8224 1

Se hai bisogno di maggiori informazioni contattaci telefonicamente

Prenotazioni Private
+39 02 8224 8224

Prenota una visita in privato o con assicurazione telefonicamente, oppure direttamente online

Centri

IBD Center
0282248282
Dipartimento di Gastroenterologia
02 8224 8224
Ortho Center
02 8224 8225
Cancer Center
02 8224 6280
Fertility Center
02 8224 4646
Centro Odontoiatrico
0282246868
Cardio Center
02 8224 4330
Centro Obesità
02 8224 6970
Centro Oculistico
02 8224 2555

Caffeina, quali effetti sul sistema immunitario?

Per moltissime persone, bere un caffè aiuta a rimanere svegli e a ritrovare la concentrazione in un momento di stanchezza o sonnolenza.

Come ci spiega il professor Carlo Selmi, Responsabile di Reumatologia e Immunologia Clinica in Humanitas, il merito è della caffeina, una sostanza naturale presente per esempio nel caffè, nel tè e nel cacao, capace di stimolare il sistema nervoso centrale.

L’azione della caffeina

La caffeina agisce anche sul sistema immunitario, comportandosi come un immunomodulatore, modulando la risposta immunitaria innata e quella acquisita con effetti ancora difficili da definire, ma verosimilmente anti-infiammatori. Secondo una revisione pubblicata nel 2006 su Pharmacology&Therapeutics e realizzata dalla National University of Ireland, la caffeina sopprimerebbe la produzione di citochine pro-infiammatorie come il Tnf-alfa, ma anche quella di anticorpi, potenzialmente svolgendo un effetto positivo in pazienti con malattie infiammatorie croniche come artrite o psoriasi.

Secondo alcuni studi poi il caffè espresso proteggerebbe dal rischio di sviluppare gotta, al suo consumo è stata infatti associata una riduzione dei livelli di acido urico, e l’iperuricemia è la causa necessaria di artrite nella gotta.

Ecco perché non esagerare

Un consumo eccessivo di caffeina causerebbe oltre a effetti sul ritmo cardiaco e sulla pressione arteriosa, anche un aumento dei livelli di cortisolo, il cosiddetto ormone dello stress, che potrebbe concorrere a un effetto depressivo sull’attività dei linfociti, le cellule coinvolte nella funzione immunitaria acquisita.

I numeri di Humanitas
  • 2.3 milioni visite
  • +56.000 pazienti PS
  • +3.000 dipendenti
  • 45.000 pazienti ricoverati
  • 800 medici