COME TI POSSIAMO AIUTARE?

Centralino
+39 02 8224 1

Se hai bisogno di maggiori informazioni contattaci telefonicamente

Prenotazioni Private
+39 02 8224 8224

Prenota una visita in privato o con assicurazione telefonicamente, oppure direttamente online

Centri

IBD Center
0282248282
Dipartimento di Gastroenterologia
02 8224 8224
Ortho Center
02 8224 8225
Cancer Center
02 8224 6280
Fertility Center
02 8224 4646
Centro Odontoiatrico
0282246868
Cardio Center
02 8224 4330
Centro Obesità
02 8224 6970
Centro Oculistico
02 8224 2555

Bimbi disabili, un progetto per i loro fratelli

Uno spazio speciale per i fratelli di bimbi disabili, intrattenimento e confronto per crescere insieme. I ragazzi di età compresa tra i 15 e i 20 anni, avranno uno spazio interamente dedicato a loro, dove potranno interagire con chi condivide la stessa situazione familiare.

Il messaggio di ARIEL, una Fondazione che dal 2003 assiste le famiglie di bambini affetti da Paralisi Cerebrale e altre disabilità neuromotorie, questa volta è rivolto direttamente a fratelli e sorelle di bambini disabili. Crescere e confrontarsi insieme, grazie ad una serie di eventi, feste e iniziative speciali. I ragazzi di età compresa tra i 15 e i 20 anni, avranno uno spazio interamente dedicato a loro, dove potranno interagire con chi condivide la stessa situazione familiare. Durante l’esperienza di gruppo, potranno scambiarsi emozioni, raccontare le proprie esperienze e confrontarle, aumentare la fiducia in se stessi e confidarsi, oltre a fare nuove amicizie e stringere nuovi legami.

Il progetto, inoltre, prevede una sessione di incontri rivolti ai fratelli più piccoli dei bambini disabili, di età compresa tra gli 8 e i 13 anni. I bambini saranno coinvolti in varie proposte di gioco, ascolto e animazione, tramite i quali si cercherà di gestire e migliorare la relazione tra fratelli. “Avere un fratello disabile può suscitare sentimenti contrastanti e rendere difficile parlare della propria esperienza e dei sentimenti negativi che si provano. – spiegano la dott.ssa Stefania Cirelli Assistente Sociale e Sociologa di Fondazione Ariel e il dott. Andrea Dondi Psicologo e Psicoterapeuta del Centro di Psicologia e Analisi Transazionale Milano, responsabili del progetto – L’incontro con altri fratelli che vivono un’esperienza simile alla propria può rivelarsi un’occasione per raccontarsi reciprocamente l’unicità della propria esperienza. L’obiettivo dei gruppi dedicati ai fratelli è quello di promuovere tale incontro aiutandoli a condividere i loro sentimenti e le loro esperienze in un contesto protettivo e supportante”.

Appuntamento con i più piccoli a ottobre, mentre gli adolescenti si incontreranno a partire dal mese di novembre. Per informazioni sul progetto, sulle modalità di iscrizione (gratuita) e le tempistiche da rispettare, basta contattare la dott.ssa Stefania Cirelli all’indirizzo mail stefania.cirelli.ariel@humanitas.it, o telefonare al numero verde gratuito 800.133.431.

Fondazione Ariel è un’organizzazione senza scopo di lucro attiva dal 2003 per assistere le famiglie con bambini affetti da Paralisi Cerebrale Infantile e altre disabilità neuromotorie. La Paralisi Cerebrale Infantile (PCI) colpisce un bambino ogni 500 nuovi nati ed è dovuta a un danno irreversibile del sistema nervoso centrale. I bambini che ne sono affetti presentano, fin dai primi mesi di vita, un ritardo neuropsicomotorio che colpisce tutto il corpo con intensità differente e con ripercussioni progressivamente invalidanti. La nascita di un bambino colpito da PCI è difficilmente prevedibile; è un evento improvviso e inaspettato che destabilizza e stravolge tutta la famiglia: accanto ai sensi di colpa, di rabbia e di rifiuto si affacciano un forte senso di inadeguatezza, di incapacità, di isolamento da parte dei genitori, di trascuratezza da parte dei fratelli e delle sorelle.

A cura della Redazione

I numeri di Humanitas
  • 2.3 milioni visite
  • +56.000 pazienti PS
  • +3.000 dipendenti
  • 45.000 pazienti ricoverati
  • 800 medici