COME TI POSSIAMO AIUTARE?

Centralino
+39 02 8224 1

Se hai bisogno di maggiori informazioni contattaci telefonicamente

Prenotazioni Private
+39 02 8224 8224

Prenota una visita in privato o con assicurazione telefonicamente, oppure direttamente online

Centri

IBD Center
0282248282
Dipartimento di Gastroenterologia
02 8224 8224
Ortho Center
02 8224 8225
Cancer Center
02 8224 6280
Fertility Center
02 8224 4646
Centro Odontoiatrico
0282246868
Cardio Center
02 8224 4330
Centro Obesità
02 8224 6970
Centro Oculistico
02 8224 2555

Aneurisma rotto, violenta cefalea tra i sintomi più frequenti

L’aneurisma cerebrale può rimanere nascosto nel cervello per tutta la vita oppure presentarsi in maniera improvvisa e violenta. Ne ha parlato il professor Giulio Maira, consultant neurochirurgo in Humanitas, in un’intervista a Tg2 Medicina 33.

“L’aneurisma è una dilatazione progressiva di un’arteria che porta il sangue al cervello e che per motivi congeniti è più fragile e lentamente cede sotto la pressione del sangue, fino a formare una specie di palloncino”.

Quando il palloncino si rompe nell’arteria, il sangue invade gli spazi che circondano il cervello. “L’emorragia subaracnoidea, quindi la rottura minima di un aneurisma, è caratterizzata dalla comparsa di una cefalea violentissima che i pazienti definiscono come la più forte cefalea della vita, seguita da una sensazione di rigidità nucale; possono inoltre esserci nausea e vomito. Se invece l’emorragia è più importante, i danni sono molto più gravi e possiamo avere fino al 40% di mortalità e i due terzi delle persone che sopravvivono presentano danni permanenti”.

I fattori di rischio

Dal 2 al 5% della popolazione è portatrice di aneurisma, ma quali sono i fattori di rischio?

“Il fumo, la pressione arteriosa alta, la familiarità e il sesso femminile. Si è visto inoltre che l’assunzione di droghe (come ecstasy o cocaina) aumenta notevolmente il rischio di avere un ictus cerebrale e quindi di avere un’emorragia. Se un ragazzo portatore di un aneurisma che magari non si sarebbe mai rotto durante la vita, prende una pasticca di ecstasy, può andare incontro a rottura con conseguenze molto gravi”.

Le opzioni di trattamento

“La diagnosi precoce o l’interpretazione corretta dei minimi espandimenti è molto importante perché permette di trattare l’aneurisma prima che si arrivi a una prognosi estremamente grave”, spiega il prof. Maira.

A seconda dei casi l’intervento può essere effettuato con chirurgia mininvasiva, chiudendo l’aneurisma con clip metallica, o per via endovascolare, introducendo un catetere nelle arterie, con uno stent o delle spirali per facilitare la formazione di un trombo ed escludere l’aneurisma dall’arteria. Fondamentale è recarsi in un centro che offra sia la possibilità di un intervento endovascolare sia di microchirurgia.

 

 

I numeri di Humanitas
  • 2.3 milioni visite
  • +56.000 pazienti PS
  • +3.000 dipendenti
  • 45.000 pazienti ricoverati
  • 800 medici