COME TI POSSIAMO AIUTARE?

Centralino
+39 02 8224 1

Se hai bisogno di maggiori informazioni contattaci telefonicamente

Prenotazioni Private
+39 02 8224 8224

Prenota una visita in privato o con assicurazione telefonicamente, oppure direttamente online

Centri

IBD Center
0282248282
Dipartimento di Gastroenterologia
02 8224 8224
Ortho Center
02 8224 8225
Cancer Center
02 8224 6280
Fertility Center
02 8224 4646
Centro Odontoiatrico
0282246868
Cardio Center
02 8224 4330
Centro Obesità
02 8224 6970
Centro Oculistico
02 8224 2555

Anca: quando serve l’ecografia

L’ecografia dell’anca è un esame che permette di valutare dettagliatamente le strutture come muscoli, tendini, legamenti e l’articolazione coxo-femorale, oltre ai tessuti molli sottocutanei. Questo esame è fondamentale per rilevare qualsiasi variazione nella forma e nella struttura o per identificare la presenza di lesioni spazio-occupanti che alterano l’anatomia delle strutture mio-tendinee e sottocutanee. Le alterazioni spazio-occupanti possono essere solide o liquide.

L’ecografia è utilizzata anche per guidare trattamenti infiltrativi, ma quando e in quali condizioni è indicata?

Ne parliamo con il dottor Nicola Magarelli, radiologo presso l’IRCCS Istituto Clinico Humanitas di Rozzano e i centri medici Humanitas Medical Care.

Ecografia: che cos’è e come funziona

Nell’ecografia si utilizza un dispositivo chiamato trasduttore, che viene posizionato sulla pelle del paziente e che emette brevi impulsi di ultrasuoni ad alta frequenza che penetrano nei tessuti sottostanti. Le onde sonore si riflettono sulle diverse strutture anatomiche incontrate e vengono poi rilevate dallo stesso trasduttore, che funge anche da ricevitore.

Questo dispositivo registra variazioni nell’intensità e nella direzione delle onde sonore riflesse. Un computer elabora queste informazioni in tempo reale e produce immagini dettagliate delle strutture interne, che vengono visualizzate su un monitor.

Ecografia all’anca: a cosa serve e quando farla

L’ecografia dell’anca è particolarmente importante per lo screening neonatale della displasia dell’anca. È inoltre utilizzata frequentemente negli adolescenti e negli adulti per indagare sospette patologie infiammatorie acute o croniche dell’articolazione, nonché malattie degenerative come l’artrosi. L’esame ecografico è anche un valido strumento durante procedure di infiltrazione all’anca con sostanze visco-supplementanti o anti-infiammatorie, nonché per drenare accumuli di fluidi o versamenti articolari.

Viene inoltre impiegata nella valutazione delle patologie tendinee inserzionali e in casi di sospetta compressione del nervo sciatico, come nella sindrome del piriforme.

Quali sono i vantaggi dell’ecografia all’anca?

L’ecografia all’anca offre diversi benefici importanti:

  • è un metodo diagnostico non invasivo, che non impiega radiazioni ionizzanti;
  • fornisce immagini dettagliate dei tessuti molli, che spesso non sono visibili nelle radiografie tradizionali;
  • produce immagini in tempo reale, il che la rende particolarmente utile per guidare procedure minimamente invasive, come biopsie con ago e aspirazioni di fluidi;
  • ha la capacità di valutare con precisione la struttura dei tendini, offrendo una qualità d’immagine paragonabile a quella della risonanza magnetica.

Ecografia all’anca, come si svolge l’esame

Durante un’ecografia dell’anca, il paziente dapprima è in posizione clinostatica, poi viene posizionato su di un fianco, e infine a pancia in giù. Lo specialista applica un gel sull’area da esaminare per eliminare qualsiasi interfaccia aerea che potrebbe formarsi tra il trasduttore e la pelle.

Successivamente, inizia l’esplorazione utilizzando piani di scansione che sono ortogonali tra loro, per ottenere una visione completa e dettagliata dell’area interessata.

Il paziente potrebbe essere invitato a contrarre i muscoli per permettere allo specialista di eseguire scansioni dinamiche. Questo serve a valutare il movimento delle strutture muscolo-tendinee e dei piani di scorrimento. L’esame è generalmente indolore e abbastanza veloce, con una durata di circa 5 minuti.

Dopo l’ecografia lo specialista analizzerà le immagini ottenute e redigerà il referto. Il referto viene poi inviato allo specialista che ha richiesto l’esame, il quale si occuperà di condividere e discutere i risultati con il paziente.

Specialista in Diagnostica per Immagini

Visite ed esami

I numeri di Humanitas
  • 2.3 milioni visite
  • +56.000 pazienti PS
  • +3.000 dipendenti
  • 45.000 pazienti ricoverati
  • 800 medici