COME TI POSSIAMO AIUTARE?

Centralino
+39 02 8224 1

Se hai bisogno di maggiori informazioni contattaci telefonicamente

Prenotazioni Private
+39 02 8224 8224

Prenota una visita in privato o con assicurazione telefonicamente, oppure direttamente online

Centri

IBD Center
0282248282
Ortho Center
02 8224 8225
Cancer Center
02 8224 6280
Fertility Center
02 8224 4646
Centro Odontoiatrico
0282246868
Cardio Center
02 8224 4330
Centro Obesità
02 8224 6970
Centro Oculistico
02 8224 2555
Centro Diagnostico Privato
02 8224 2100

Acufene, quel fastidioso rumore nelle orecchie

La comparsa della percezione di un suono o di un rumore, avvertita nella testa o nell’orecchio, più volte al giorno: è l’acufene, un disturbo a carico dell’orecchio, capace di inficiare – anche in maniera importante in alcuni casi – sulla vita quotidiana. Ne parliamo con il dottor Luca Malvezzi, otorinolaringoiatra in Humanitas.

Comunemente, l’acufene si presenta con un ronzio nelle orecchie, che può assumere diverse tonalità e dunque risultare simile a un fischio, a un sibilo, a un rombo, a un soffio o a un crepitio. L’acufene poi può avere carattere costante o intermittente. Colpisce soprattutto gli adulti, di rado i bambini, e la loro presenza continua e intensa può favorire la comparsa di una sindrome depressiva.

Le cause alla sua origine

Esposizione a rumori intensi, infezioni, traumi e alcune malattie sono le cause più comuni di acufene.

Rumori intensi e frequenti possono danneggiare l’apparato uditivo, con ipoacusia, distorsione nella percezione dei suoni e alterazioni che portano a sentire suoni inesistenti. Si pensi che il 90% dei pazienti con acufene presenta anche un calo dell’udito.

In presenza di infiammazioni dell’orecchio (otiti medie) o del naso e dei seni paranasali (riniti e rinosinusiti) può aversi una temporanea percezione di acufeni a bassa tonalità, simili al rumore del mare che si percepisce appoggiando una conchiglia sull’orecchio.

Traumi a carico di testa e collo possono essere responsabili di acufeni reversibili, accompagnati da mal di testa, perdita di memoria e vertigini. Anche i disallineamenti dell’articolazione mascella – mandibola possono avere ripercussioni sull’apparato uditivo e generare acufeni.

Gli acufeni infine possono presentarsi nei pazienti con malattie tiroidee o con fibromialgia.

È importante rivolgersi al medico

In presenza di acufene è sempre bene consultare il medico. La visita specialistica otorinolaringoiatrica con esami audiometrici è fondamentale per capire se sono necessari ulteriori esami, come elettrocardiogramma, ecocardiogramma, doppler dei vasi sanguigni, valutazione in un centro trombosi o imaging e Risonanza magnetica.

I consigli per contrastarli

La valutazione specialistica sarà l’occasione per il paziente per ottenere i consigli migliori per contrastare la presenza di acufene.

In generale, può essere di aiuto l’assunzione di farmaci: antidepressivi (come i triciclici), antipertensivi o anche i farmaci per la cura delle otiti possono alleviare i fastidi percepiti.

In presenza di ipoacusia associata, il paziente può trarre sollievo anche dall’uso di un apparecchio acustico, capace di amplificare i suoni in ingresso e di migliorare la percezione uditiva, mascherando il rumore associato ad acufene.

È anche possibile ricorrere a generatori o mascheratori di suoni, si tratta di speciali apparecchi che producono “rumori bianchi” oppure suoni naturali, come il vento o le onde del mare, con l’obiettivo di rilassare il soggetto e distoglierne l’attenzione dagli acufeni.

Specialista in Otorinolaringoiatria

Visite ed esami

I numeri di Humanitas
  • 2.3 milioni visite
  • +56.000 pazienti PS
  • +3.000 dipendenti
  • 45.000 pazienti ricoverati
  • 780 medici