COME TI POSSIAMO AIUTARE?

Centralino
+39 02 8224 1

Se hai bisogno di maggiori informazioni contattaci telefonicamente

Prenotazioni Private
+39 02 8224 8224

Prenota una visita in privato o con assicurazione telefonicamente, oppure direttamente online

Centri

IBD Center
0282248282
Dipartimento di Gastroenterologia
02 8224 8224
Ortho Center
02 8224 8225
Cancer Center
02 8224 6280
Fertility Center
02 8224 4646
Centro Odontoiatrico
0282246868
Cardio Center
02 8224 4330
Centro Obesità
02 8224 6970
Centro Oculistico
02 8224 2555

A firma Humanitas un nuovo studio sulle patologie mieloproliferative

È a firma Humanitas lo studio pubblicato su Stem Cell Report sulle malattie mieloproliferative croniche: una Ricerca che si è focalizzata sulla presenza nelle cellule del sangue e del midollo osseo della mutazione V617F nel gene JAK2.

Lo studio è stato condotto dall’équipe della dottoressa Francesca Ficara, composta da specialisti di Humanitas e di altri Istituti, tra cui la dottoressa Laura Crisafulli e la dottoressa Sharon Muggeo e parzialmente finanziato da AIRC-Fondazione Cariplo e Fondazione Damiano per l’Ematologia. La Ricerca si è svolta in Humanitas dal gruppo del CNR-IRGB, con la collaborazione di altre unità Humanitas (Genomic Unit, Flow Cytometry Core, Biostatistic Unit e Cancer Center con il gruppo del professor Matteo Della Porta).

I risultati dello studio

La Ricerca ha evidenziato il ruolo della proteina Pbx1 nelle malattie mieloproliferative croniche, abitualmente deputata alla regolazione della funzione delle cellule staminali nel sangue, proteina che regola la formazione di globuli rossi e piastrine che, in caso di mutazione a carico del gene JAK2, risulta fuori controllo. Dallo studio emerge come impedire l’evoluzione della patologia o determinarne la regressione sia possibile rimuovendo la proteina Pbx1. Una scoperta che ha permesso di identificare un nuovo possibile bersaglio terapeutico: gli studi sulle malattie mieloproliferative proseguiranno dunque in questo senso, valutando se Pbx1 o altre proteine regolate da Pbx1, possano essere bloccate mediante azione farmacologica e migliorare così la condizione clinica del paziente.

L’importanza della Ricerca per la cura delle malattie mieloproliferative croniche

La policitemia vera, la trombocitemia essenziale e le altre patologie mieloproliferative croniche si associano a una produzione abnorme di globuli rossi, piastrine e/o granulociti. Una condizione che mina sensibilmente la qualità della vita e la salute dei pazienti interessati. Nonostante i progressi terapeutici degli ultimi anni, in una percentuale di pazienti il trattamento standard non è in grado di garantire un controllo ottimale della malattia. Per questo motivo, identificare nuovi bersagli terapeutici grazie alla Ricerca scientifica è di fondamentale importanza. 

I numeri di Humanitas
  • 2.3 milioni visite
  • +56.000 pazienti PS
  • +3.000 dipendenti
  • 45.000 pazienti ricoverati
  • 800 medici