Nello spazio che molti conoscono come “plesso solare”, tra lo sterno e lo stomaco: è lì che spesso si concentrano e avvertono tensioni e fastidi quando si è stressati, preoccupati o tristi. Il “magone”, lo chiama qualcuno.

Ne ha parlato in un’intervista a Radio24 la dottoressa Beatrice Salvioli, gastroenterologa di Humanitas, che ai pazienti ha consigliato di “coccolare” di più la propria pancia.

I consigli dell’esperta

“Si può iniziare già dal mattino, appena svegli, con un lieve massaggio alla pancia e un bicchiere di acqua tiepida con limone: rilassa le pareti dell’intestino e permette al nostro organismo, allo stomaco e all’intestino di “accogliere” meglio la colazione”, ha spiegato la dottoressa.

Nei momenti più critici e stressanti, in cui si avverte il “magone” e gonfiore alla pancia, bisogna poi prestare attenzione ai pasti: “a pranzo meglio evitare le fibre crude, come le insalate, perché sono più difficili da digerire, a quel punto meglio un panino o una pastasciutta”, ha spiegato Salvioli, ricordando che in qualsiasi situazione è sempre bene “masticare lentamente e non guardare computer o cellulari durante i pasti”.

Rimedi naturali per una pancia sotto stress

Tra i rimedi più efficaci e distensivi per una pancia “stressata” ci sono sicuramente le tisane a base di erbe come camomilla, melissa e tiglio. Infine, la dott.ssa Salvioli consiglia di bere un bicchiere d’acqua a temperatura ambiente ogni ora.

Prenota una visita con la dott.ssa Beatrice Salvioli