Tornano sabato 27 gennaio le Arance della salute di AIRC, Associazione Italiana per la Ricerca sul Cancro. I volontari saranno presenti in oltre 2.500 piazze italiane con questa tradizionale iniziativa che inaugura il nuovo anno di raccolta fondi di AIRC.

Con una donazione di 9 euro sarà possibile ricevere una reticella di 2,5 chili di arance e una Guida, contenente sia informazioni sul legame tra alimentazione e tumori sia ricette a base di arance, firmate dagli chef de La Cucina Italiana.

AIRC ha scelto proprio l’arancia rossa italiana come frutto simbolo dell’alimentazione sana e protettiva. Questi frutti infatti contengono gli antociani, pigmenti naturali che antiossidanti, e circa il 40% in più di vitamina C rispetto agli altri agrumi.

Anche Humanitas sostiene la raccolta fondi di AIRC: giovedì 25 e venerdì 26 gennaio infatti, sarà possibile sostenere la ricerca e acquistare le Arance della salute in un banchetto dedicato al Building 2.

Il legame con l’alimentazione

Un corretto stile di vita è fondamentale per la prevenzione dei tumori: è dunque importante mangiare in maniera sana ed equilibrata, contrastare la sedentarietà conducendo una vita attiva che comprende anche regolare attività fisica (bastano anche 30 minuti di camminata al giorno) e non fumare. Si pensi che un tumore ogni tre potrebbe non svilupparsi se si seguissero stili di vita salutari. Sappiamo inoltre che un tumore ogni tre potrebbe essere curato per tempo se si aderisse ai protocolli di screening e di diagnosi precoce.

In particolare, alcuni tipi di tumore sono più sensibili agli effetti del cibo. A confermarlo, diversi studi internazionali, come EPIC (European Prospective Investigation into Cancer and Nutrition), realizzato anche grazie al contributo di AIRC. Per oltre vent’anni i ricercatori hanno osservato le abitudini alimentari dei cittadini europei e i risultati confermano come l’esofago, lo stomaco e l’intestino – gli organi più direttamente coinvolti – beneficino maggiormente delle abitudini preventive.

Allenare le difese immunitarie

“Grazie ai progressi della ricerca e alla sempre maggiore conoscenza del sistema immunitario, oggi sappiamo che è possibile allenare le nostre difese naturali affinché siano sempre pronte a proteggere, nel modo migliore, il nostro organismo – sottolinea il professor Alberto Mantovani, Direttore Scientifico di Humanitas e ricercatore AIRC – è sempre più evidente che lo stile di vita costituisce per il nostro sistema immunitario una vera e propria palestra, perché ne influenza il funzionamento. 0-5-30 è la formula vincente da adottare ogni giorno: 0 sigarette, di qualunque tipo, 5 porzioni di frutta e verdura e 30 minuti di esercizio fisico moderato”.

Per ulteriori informazioni sulla Campagna “Arance della Salute”, sul ruolo degli stili di vita nella prevenzione e per trovare la piazza più vicina: www.arancedellasalute.itwww.airc.it