Contro l’epatite C sono in commercio nuovi farmaci che riescono a sradicare l’infezione nel giro di tre mesi. Grazie a questo farmaco si possono raggiungere risultati notevoli, ha sottolineato il professor Savino Bruno, Responsabile di Medicina interna ed epatologia di Humanitas in un’intervista andata in onda durante il TG2 dello scorso 28 maggio:

farmaci

Nuovi farmaci contro l’epatite C e rischi dei farmaci low-cost

 “Questi farmaci permettono di eliminare l’infezione dell’epatite C nei pazienti già affetti da cirrosi, il che significa riportarli sulla curva di aspettativa di vita della popolazione generale italiana, presa in considerazione in base a sesso ed età”, ha dichiarato il prof. Bruno.

Questi farmaci sono in grado di debellare il virus dell’HCV in 12 settimane, si tratta di una scoperta importantissima anche per il nostro Paese, basti pensare che questa infezione in Italia conta il maggior numero di ammalati in Europa.

Nei prossimi anni sarà di fondamentale importanza garantire a tutti l’accesso a questi farmaci, visto il tema dei costi elevati, che ha creato un mercato parallelo di farmaci low-cost, provenienti dalla Cina, dall’India e dall’Egitto e nei confronti del quale l’Agenzia del Farmaco invita a prestare la massima attenzione: il rischio è quello di non trovare il principio attivo o, addirittura, di trovare una potenziale molecola tossica.