Sebbene il dolore al petto sia il segnale per eccellenza associato all’infarto, soprattutto nelle donne potrebbe non essere l’unico indizio ed è dunque importante prestare particolare attenzione a sintomi quali: stanchezza insolita, sudorazione, fiato corto, mal di schiena, dolore al collo o alla mascella.

Businesswoman Suffering From Pain

Stanchezza insolita

La stanchezza è una condizione piuttosto comune e può essere giustificata dallo stile di vita, dai numerosi impegni e dalle incombenze della vita quotidiana. È importante però che la stanchezza diventi un campanello d’allarme nei casi in cui si presenti in maniera insolita o eccessiva, differendo quindi dalla stanchezza cui si è normalmente abituati. Può destare sospetto, per esempio:

  • Sentirsi profondamente stanchi al termine della propria abituale attività fisica.
  • Avvertire la fatica e la pesantezza al petto tipiche di un allenamento, ma in assenza di sforzo fisico.
  • Essere molto stanchi al termine di normali attività (come rifare il letto, fare la spesa).
  • Fare fatica ad addormentarsi o avere un sonno disturbato nonostante la stanchezza.

 Sudorazione e/o fiato corto:

l’avanzare dell’età, l’aumento di peso e la mancanza di esercizio fisico possono causare fiato corto, mentre le vampate di calore sono un disturbo che accomuna diverse donne durante la menopausa. L’insorgenza di questi sintomi in determinate situazioni però può segnalare un disturbo cardiaco, come per esempio:

  • Improvvisa comparsa di sudorazione e/o fiato corto in assenza di condizioni di sforzo.
  • Affanno dopo uno sforzo che continua però a peggiorare.
  • Mancanza di respiro che peggiora quando si è in posizione sdraiata e migliora quando si sta in piedi, sorreggendosi.
  • Sudorazione o fiato corto accompagnati da dolore al petto e/o stanchezza.

Mal di schiena, dolore al collo o alla mascella:

questi e altri dolori, se non riconducibili ad altre cause (come a un problema articolare o muscolare), possono essere legati a un disturbo cardiaco. È importante prestare attenzione a:

  • Dolore alle braccia (negli uomini è invece più comune al braccio sinistro).
  • Dolore alla schiena, che in genere parte dal petto per poi diffondersi alla schiena.
  • Dolore improvviso, che può presentarsi anche di notte, con conseguente risveglio.
  • Dolore al lato sinistro della mascella.

Cosa fare in presenza dei sintomi?

Molte donne che sono state colpite da infarto hanno riferito di aver sperimentato alcuni di questi sintomi alcune settimane o un mese prima dall’attacco cardiaco. Qualora si avverta uno di questi sintomi è bene dunque prenderne nota ed effettuare un controllo cardiologico prima possibile. Intervenire precocemente infatti può essere fondamentale per prevenire un evento cardiovascolare.

È bene invece chiamare i soccorsi se si avverte dolore o fastidio al petto in associazione a uno dei seguenti sintomi:

  • Dolore o fastidio in altre zone della parte superiore del corpo come braccia, spalla sinistra, schiena, collo, mascella, stomaco.
  • Difficoltà a respirare o fiato corto.
  • Sudorazione o sudori freddi.
  • Nausea o vomito.
  • Battito cardiaco rapido o accelerato.
  • Stordimento, vertigini, estrema debolezza o ansia.