La prevenzione del tumore del seno parte dall’autopalpazione eseguita con regolarità ogni mese. È indispensabile, poi, sottoporsi a controlli annuali affiancati alla mammografia biennale dopo i 50 anni o all’ecografia, ma solo in caso di necessità, in donne giovani. Ne ha parlato il dott. Corrado Tinterri, responsabile di Senologia, durante un intervento a Buongiorno Benessere, nella puntata andata in onda lo scorso 9 gennaio.

Woman with pink ribbon

Quando e come va praticata la prevenzione?

“L’autopalpazione andrebbe praticata dopo il ciclo mestruale, quando il seno è più morbido e meno dolente”, spiega il dott. Tinterri. “Per eseguire l’autopalpazione, consiglio di posizionarsi davanti a uno specchio per verificare che non siano intercorse variazioni importanti rispetto all’autopalpazione precedente”, continua il professore. “L’autopalpazione parte dal senso in senso circolare, con debole pressione, e dal seno si passa verso il cavo ascellare. È importante verificare che non ci siano perdite di sangue, ritrazioni del capezzolo, e monitorare la presenza di eventuali ‘palline ingrossate’.

 

Guarda l’intervista completa al dott. Tinterri dal minuto 10’02’’