COME TI POSSIAMO AIUTARE?

Centralino
+39 02 8224 1

Se hai bisogno di maggiori informazioni contattaci telefonicamente

Prenotazioni Private
+39 02 8224 8224

Prenota una visita in privato o con assicurazione telefonicamente, oppure direttamente online

Centri

Ortho Center
02 8224 8225
Cancer Center
02 8224 6280
Fertility Center
02 8224 4646
Centro Odontoiatrico
0282246868
Neuro Center
02 8224 8201
Cardio Center
02 8224 4330
Centro Obesità
02 8224 6970
Centro Oculistico
02 8224 2555
Centro Diagnostico Privato
02 8224 2100

Reflusso faringolaringeo

Cos'è il reflusso faringolaringeo?

Il reflusso faringolaringeo consiste in un reflusso retrogrado dei succhi gastrici o biliari e dei gas che dallo stomaco risalgono attraverso l’esofago arrivando alla faringe e alla laringe. A questo livello le mucose vengono danneggiate e si infiammano.

Quali sono le cause del reflusso faringolaringeo?

La patologia è causata da una disfunzione dello sfintere esofageo superiore, formato da un gruppo di muscoli situati nella parte iniziale dell’esofago. Lo sfintere ha la funzione, contraendosi e dilatandosi, di chiudere e aprire l’esofago, favorendo il passaggio del cibo durante la deglutizione e allo stesso tempo impedendo al contenuto esofageo di risalire nelle vie aeree.

Quali sono i sintomi del reflusso faringolaringeo?

Il reflusso faringolaringeo si presenta con i sintomi “atipici” del reflusso gastroesofageo:

  • Faringodinia (dolore alla gola) e bruciore alla gola
  • Disfonia (alterazione della voce)
  • Frequente necessità di schiarirsi la gola
  • Tosse secca cronica (con durata maggiore di tre settimane), stizzosa, spesso presente dopo i pasti
  • Muco spesso ed abbondante
  • Sensazione di corpo estraneo in gola (“bolo faringeo”)
  • Bruciore retrosternale, dispepsia, dolori retrosternali

Meno frequenti, ma possibili, anche aumentata salivazione, bruciore della lingua e del cavo orale, otiti, riniti, spasmi laringei.

Diagnosi

La diagnosi deriva da un’attenta anamnesi e dalla visita otorinolaringoiatrica comprensiva di laringoscopia a fibre ottiche. Dalla visita si possono evidenziare i cosiddetti “segni indiretti di reflusso faringolaringeo”, quali edemi, iperemie della mucosa ipofaringea e laringea e granulomi delle corde vocali.

Trattamenti

Il trattamento è medico, si utilizzano farmaci che riducano l’acidità gastrica, o che proteggano le mucose con un effetto barriera.

Si può prevenire il reflusso faringolaringeo?

Per chi soffre di reflusso faringolaringeo, oltre alla cura farmacologica, è importante migliorare lo stile di vita e soprattutto le abitudini alimentari. È indispensabile:

  • Eliminare il fumo perché favorisce il reflusso
  • Non indossare abiti troppo stretti in vita
  • Aspettare almeno tre ore dalla cena prima di andare a dormire così da permettere lo svuotamento gastrico
  • Perdere peso
  • Adottare un’alimentazione a basso contenuto di grassi, riducendo formaggi, fritture e carni rosse
  • Nei casi più gravi si può dormire con la testa sollevata utilizzando un cuscino anti-reflusso.