COME TI POSSIAMO AIUTARE?

Centralino
+39 02 8224 1

Se hai bisogno di maggiori informazioni contattaci telefonicamente

Prenotazioni Private
+39 02 8224 8224

Prenota una visita in privato o con assicurazione telefonicamente, oppure direttamente online

Centri

IBD Center
0282248282
Dipartimento di Gastroenterologia
02 8224 8224
Ortho Center
02 8224 8225
Cancer Center
02 8224 6280
Fertility Center
02 8224 4646
Centro Odontoiatrico
0282246868
Cardio Center
02 8224 4330
Centro Obesità
02 8224 6970
Centro Oculistico
02 8224 2555

Idroadenite suppurativa


L’idrosadenite suppurativa, o acne inversa, è un disturbo che provoca la comparsa sotto la cute di noduli, ascessi e fistole spesso dolenti. In genere, questa condizione si sviluppa nelle zone del corpo ricche di ghiandole apocrine, come ascelle, zona perianale o inguine. L’idrosadenite suppurativa può presentarsi a più riprese e provocare la formazione di cicatrici. Questo disturbo insorge tendenzialmente dopo la pubertà (in particolar modo tra l’adolescenza e i 20 anni) e prima dei 40 anni, interessa soprattutto il sesso femminile e tende a peggiorare con il passare del tempo, per questo motivo può influire negativamente sulla qualità della vita. 

Quali sono le cause dellidroadenite suppurativa?

L’idrosadenite suppurativa si verifica a seguito di un’ostruzione dei follicoli piliferi, l’infiammazione follicolare e la conseguente occlusione portano alla rottura del follicolo e allo sviluppo di ascessi, fistole, e cicatrici. Tra i fattori di rischio si annoverano l’obesità e il fumo di sigaretta, oltre che fattori genetici e disturbi ormonali.

Quali sono i sintomi dellidrosadenite suppurativa?

Tra i principali segni-sintomi dell’idrosadenite suppurativa si riconoscono: 

  • noduli, spesso dolenti
  • fistole sottocutanee in collegamento tra i noduli
  • irritazione
  • ascessi, spesso contenenti pus.

Questi sintomi possono provocare difficoltà nello svolgere movimenti che coinvolgono le aree interessate e influire negativamente sul tono dell’umore e la qualità della vita del paziente.

L’idrosadenite suppurativa può associarsi a complicanze quali:

  • infezioni secondarie
  • cicatrici
  • edema.

Le lesioni dell’idrosadenite suppurativa vengono spesso scambiate per cisti o per lesioni acneiche, comportando un ritardo nella diagnosi e nell’inizio della terapia. In presenza dei segni e sintomi descritti, dunque, è importante fare riferimento al medico dermatologo.

Idroadenite suppurativa: come si fa la diagnosi?

L’idroadenite suppurativa viene diagnosticata dallo specialista dermatologo attraverso l’osservazione della zona interessata dai sintomi e l’ascolto della storia del paziente. A volte, un esame ecografico può essere di supporto alla diagnosi e al monitoraggio dell’attività di malattia.

Come trattare lidrosadenite suppurativa?

L’idrosadenite suppurativa può essere trattata con terapia farmacologica e/o con interventi chirurgici.

La terapia per l’idrosadenite suppurativa può dunque comprendere:

  • antibiotici, topici o orali, utili a contenere i sintomi (principalmente tetracicline)
  • iniezione locale di steroidi, utile a diminuire l’infiammazione e il gonfiore
  • terapia ormonale
  • terapia biologica con farmaci anti-tnf
  • retinoidi.

La chirurgia, invece, può essere finalizzata a incidere i noduli/ascessi per drenarne il contenuto o a rimuovere l’area di cute interessata nella sua interezza. 

Fortunatamente, nuove terapie innovative come farmaci biologici inibitori di IL-17 o inibitori delle janus chinasi sono in via di sperimentazione/approvazione per gestire le forme più severe di idrosadenite, spesso refrattarie ai trattamenti a nostra disposizione.

I pazienti, inoltre, traggono grandissimi benefici dallo stop o dalla riduzione del fumo.

Visita dermatologica

La visita dermatologica è essenziale per diagnosticare e trattare disturbi della pelle come dermatite, eczema, acne e monitorare patologie cutanee già note.

Unità Operative