COME TI POSSIAMO AIUTARE?

Centralino
+39 02 8224 1

Se hai bisogno di maggiori informazioni contattaci telefonicamente

Prenotazioni Private
+39 02 8224 8224

Prenota una visita in privato o con assicurazione telefonicamente, oppure direttamente online

Centri

IBD Center
0282248282
Dipartimento di Gastroenterologia
02 8224 8224
Ortho Center
02 8224 8225
Cancer Center
02 8224 6280
Fertility Center
02 8224 4646
Centro Odontoiatrico
0282246868
Cardio Center
02 8224 4330
Centro Obesità
02 8224 6970
Centro Oculistico
02 8224 2555

Carenza di vitamina D


La vitamina D è un nutriente essenziale coinvolto nella regolazione del metabolismo del calcio e del fosforo. Nonostante il suo nome, non si tratta di una vitamina in senso stretto. Se, infatti, con “vitamina” ci si riferisce a sostanze organiche fondamentali per la vita e che devono necessariamente essere assunte tramite l’alimentazione perché l’organismo non è in grado di sintetizzarle, questo non vale per la vitamina D, il cui apporto è fornito dall’alimentazione solo per il 10-15%. Il restante 85-90% viene sintetizzato soprattutto attraverso l’esposizione ai raggi solari

Il ruolo principale della vitamina D riguarda la regolazione del metabolismo del calcio e del fosforo, fondamentali per la salute delle ossa. In particolare, la vitamina D favorisce l’assorbimento del calcio a livello intestinale e ne riduce l’eliminazione tramite le urine. Questo processo permette la crescita e la mineralizzazione fisiologica delle ossa.

Una carenza cronica di vitamina D può quindi determinare ridotte concentrazioni di calcio e fosforo nel sangue, favorendo condizioni patologiche come il rachitismo nei bambini e l’osteomalacia negli adulti. Il rachitismo è caratterizzato da ossa poco sviluppate e da deformità scheletriche specifiche, tra cui gambe arcuate e ginocchia valghe. L’osteomalacia determina invece un indebolimento delle ossa mature, che tendono a fratturarsi maggiormente. 

Inoltre, la vitamina D è coinvolta nella modulazione del sistema immunitario. Una sua carenza può quindi essere associata a un aumento del rischio di infezioni e malattie autoimmuni.


Quali sono le cause della carenza di vitamina D? 

La carenza di vitamina D può essere causata da diversi fattori, tra cui:

  • Esposizione limitata alla luce solare: in Italia, la latitudine ci permette di avere un adeguato livello di vitamina D esponendo alla luce solare il 25% circa di superficie corporea per almeno 15 minuti 2-3 volte alla settimana da marzo a novembre. Nei mesi invernali, invece, l’intensità dei raggi solari è troppo bassa per effettuare la conversione del precursore in vitamina D e può pertanto essere necessario controllare il livello di vitamina D e valutare con il medico l’assunzione di integratori.
  • Problemi di assorbimento intestinale: condizioni come la malattia celiaca o malattie infiammatorie croniche (es. malattia di Crohn) possono interferire con l’assorbimento della vitamina D.
  • Dieta carente di vitamina D: alcuni alimenti (es. pesce grasso, uova e alimenti arricchiti) sono ricchi di vitamina D. Una dieta povera di questi alimenti può determinare una carenza.
  • Pigmentazione della pelle: una maggiore pigmentazione cutanea può determinare una riduzione dell’assorbimento dei raggi ultravioletti e di conseguenza una ridotta conversione del precursore in vitamina D.
  • Età: invecchiando si ha una minore capacità di sintesi cutanea.
  • Gravidanza o allattamento.
  • Obesità.
  • Patologie dermatologiche estese (vitiligine, psoriasi, dermatite atopica, ustioni).
  • Malattie intestinali che provocano malassorbimento.
  • Patologie renali ed epatiche.
  • Assunzione di farmaci che interferiscono con il metabolismo della vitamina D (terapie cortisoniche croniche, terapie anticomiziali).

Quali sono i sintomi della carenza di vitamina D? 

La carenza di vitamina D è pressoché asintomatica e viene quindi scoperta abitualmente tramite gli esami del sangue

Carenza di vitamina D: come si fa la diagnosi? 

Nonostante le metodiche di dosaggio presentino importanti problemi metodologici, il livello della 25(OH) vitamina D (25OHD) circolante è il parametro universalmente riconosciuto come indicatore affidabile dello status vitaminico.

Il dosaggio del calcitriolo [1,25(OH)2 vitamina D] – andrebbe riservato a condizioni particolari di interesse specialistico. Nello specifico, si definiscono:

  • Livelli sufficienti: generalmente considerati tra 30 e 100 nanogrammi per millilitro (ng/mL)
  • Insufficienti: solitamente tra 20 e 29 ng/mL
  • Carenti: solitamente al di sotto di 20 ng/mL 

Come trattare la carenza di vitamina D?

Il trattamento della carenza di vitamina D prevede spesso l’integrazione di vitamina D (giornaliera, settimanale o mensile), generalmente per via orale, ma in presenza di gravi casi di malassorbimento sono possibili anche somministrazioni intramuscolo.
La forma più comune di integratore di vitamina D è la vitamina D3 (colecalciferolo), ossia quella sintetizzata dall’organismo mediante esposizione ai raggi del sole. La dose e la durata del trattamento possono variare in base ai livelli iniziali di vitamina D e alle comorbidità del paziente. È importante non integrare la vitamina D in autonomia ma seguire le indicazioni del medico, per evitare di assumerne un quantitativo eccessivo provocando un’intossicazione.