COME TI POSSIAMO AIUTARE?

Centralino
+39 02 8224 1

Se hai bisogno di maggiori informazioni contattaci telefonicamente

Prenotazioni Private
+39 02 8224 8224

Prenota una visita in privato o con assicurazione telefonicamente, oppure direttamente online

Centri

IBD Center
0282248282
Dipartimento di Gastroenterologia
02 8224 8224
Ortho Center
02 8224 8225
Cancer Center
02 8224 6280
Fertility Center
02 8224 4646
Centro Odontoiatrico
0282246868
Cardio Center
02 8224 4330
Centro Obesità
02 8224 6970
Centro Oculistico
02 8224 2555

Carcinoma squamo-cellulare


Il carcinoma squamo-cellulare (chiamato anche epitelioma squamo-cellulare) è il tumore della pelle più diffuso dopo l’epitelioma baso-cellulare. Poiché ha origine nello strato detto “spinoso” dell’epidermide, è noto anche con il nome di carcinoma spino-cellulare. Nonostante possa insorgere in qualsiasi zona del corpo e delle mucose si localizza principalmente in specifiche aree del corpo: labbro inferiore, padiglioni auricolari, cuoio capelluto, naso, dorso delle mani, genitali. 

Che cos’è il carcinoma squamo-cellulare?

Il carcinoma squamo-cellulare è più probabile che si sviluppi su quelle aree cutanee sempre esposte al sole o che risultano danneggiate da pregresse ustioni, cicatrici e stati infiammatori cronici della pelle e delle mucose. L’evoluzione di questo carcinoma è generalmente rapida. Quando è infiltrante può dare origine a metastasi linfonodali o in altri organi

Quali sono le cause del carcinoma squamo-cellulare?

La causa più frequente alla base dell’insorgenza del carcinoma squamo-cellulare è l’esposizione prolungata e senza protezioni alle radiazioni ultraviolette gravata da scottature solari: le persone con pelle molto chiara e occhi verdi o azzurri e le persone che lavorano o fanno sport per molte ore all’aperto sono tra i soggetti maggiormente a rischio.
Altri fattori predisponenti sono l’esposizione a sostanze come oli minerali, prodotti della combustione, arsenico e raggi x. 

Quali sono i sintomi del carcinoma squamo-cellulare?

In genere l’epitelioma squamo-cellulare esordisce come lesione eritematosa coperta da squame o croste e si manifesta più frequentemente sulle aree cutanee esposte ai raggi ultravioletti. Quando la lesione è in fase avanzata si possono rilevare ulcerazioni dai margini non definiti che possono essere sanguinanti e coperte da croste.
Una variante meno comune del tumore squamo-cellulare è il carcinoma verrucoso: a forma di cavolfiore, è indolore, può insorgere in tutte le mucose di testa e collo e non è infiltrante. 

Come prevenire il carcinoma squamo-cellulare?

Se diagnosticato e trattato precocemente l’epitelioma squamo-cellulare è quasi sempre curabile. Se, al contrario, viene trascurato, può arrivare a invadere i tessuti molli circostanti, le cartilagini, le ossa, i vasi e i nervi, dando vita a gravi complicanze.

Per prevenire questo tipo di carcinoma è necessario:

  • esporsi al sole in modo responsabile mediante l’utilizzo di abiti protettivi, occhiali da sole, cappelli e applicare, nelle parti che rimangono scoperte, una fotoprotezione con SPF 50+.
  • evitare di esporsi ai raggi solari nelle ore più calde dei mesi estivi, ovvero tra le 11 e le 16.
  • evitare le ustioni e l’abbronzatura artificiale mediante lampade UV.
  • esaminare l’intera superficie del corpo regolarmente – senza trascurare il cuoio capelluto – e rivolgersi al medico nel caso si notino neoformazioni: con bordi irregolari; che sanguinano spontaneamente; che variano di colore; che crescono rapidamente; che provocano prurito. 

Diagnosi

Generalmente l’epitelioma squamo-cellulare non è difficile da diagnosticare: sarà il dermatologo, attraverso l’esame delle dimensioni, della forma, del colore e della consistenza della lesione, a effettuare la diagnosi.
Nelle sue forme iniziali può però essere confuso con una cheratosi attinica: in caso di lesione dubbia lo specialista potrà servirsi della dermatoscopia e della microscopia confocale nelle forme con diagnosi più difficile. Quando le metodiche cliniche non bastano è possibile ricorrere a biopsia (rimozione di una piccola porzione di tessuto) e conseguente esame istologico. 

Trattamenti

Di solito il trattamento di questo tipo di carcinoma si basa sull’approccio chirurgico. Sarà il dermatologo in base alla sede, al tipo e alla dimensione della lesione e in base all’età e alle condizioni generali del paziente a stabilire il percorso terapeutico.

In alternativa alla chirurgia, altre metodiche per trattare le lesioni comprendono:

  • curettage – electroessiccazione;
  • trattamento topico;
  • terapia fotodinamica;
  • Per le forme non operabili o avanzate si può ricorrere a immunoterapia sistemica (Cemiplimab).

In seguito all’asportazione di questo carcinoma, 3 persone su 10 ne sviluppano un altro nella stessa zona o nelle vicinanze. Le recidive nella maggior parte dei casi si verificano entro i primi cinque anni dall’asportazione: per monitorarne l’eventuale insorgenza è quindi di fondamentale importanza sottoporsi periodicamente a visite di controllo dermatologiche.

Visita dermatologica

La visita dermatologica serve a diagnosticare e trattare le patologie cutanee come dermatite, eczema, eritema, acne, psoriasi, vitiligine, e disturbi degli annessi cutanei, o per monitorare l’evoluzione di una patologia cutanea già diagnosticata in precedenza.

Unità Operative