COME TI POSSIAMO AIUTARE?

Centralino
+39 02 8224 1

Se hai bisogno di maggiori informazioni contattaci telefonicamente

Prenotazioni Private
+39 02 8224 8224

Prenota una visita in privato o con assicurazione telefonicamente, oppure direttamente online

International Patients
+39 02 8224 6579

Working hours: Monday to Friday, 9 a.m. – 5 p.m. (Italian time)

Centri

Ortho Center
02 8224 8225
Cancer Center
02 8224 6280
Fertility Center
02 8224 4646
Neuro Center
02 8224 8201
Cardio Center
02 8224 4330
Centro Obesità
02 8224 6970
Centro Oculistico
02 8224 2555

Stent

Che cos'è e a che cosa serve lo stent?

Lo stent è un tubicino a rete metallica che può essere introdotto negli organi a lume (cioè cavi, come i vasi sanguigni o l'intestino) al fine di sostenerne le pareti interne. Il suo utilizzo è particolarmente comune in ambito vascolare, con inserimento di stent nelle arterie che presentano ristringimenti o caratterizzate da debolezza. È il caso dell'intervento di angioplastica coronarica, in cui il posizionamento dello stent consente di mantenere pervio il vaso consentendo il flusso ematico.
Gli stent di ultima generazione non sono in metallo ma in speciali materiali riassorbibili, pertanto con il passare del tempo lo stent viene assorbito dal tessuto organico con cui è in contatto, riducendo i rischi connessi alla presenza di un corpo estraneo nell'organismo.

 

Come funziona lo stent?

Qualora sia necessario intervenire su arterie ostruite, lo stent verrà posizionato nel corso di una procedura chirurgica in anestesia locale (in alcuni casi si rende necessaria l'anestesia generale).
La via d'accesso è in genere l'arteria femorale, da qui si introduce il catetere che termina con un palloncino sgonfio, intorno al quale è collocato lo stent. A questo punto viene gonfiato il palloncino che spinge la placca responsabile dell'ostruzione contro le pareti e allarga lo stent fino alla sua posizione finale, l'arteria ritrova così maggior spazio e il flusso di sangue viene ripristinato. Il palloncino viene poi sgonfiato e rimosso con il catetere, mentre lo stent resta posizionato nell'arteria.
Nel compiere questa operazione il chirurgo si avvale dei raggi X.

 

Lo stent è pericoloso o doloroso?

L'introduzione di uno stent è una procedura delicata ma sicura, con rischi e complicanze infrequenti.
È possibile si verifichi una restenosi, ovvero una recidiva.

 

Stent coronarico a rilascio di farmaco

Lo stent coronarico a rilascio di farmaco è uno stent medicato, che oltre a comportarsi come un normale stent, rilascia in maniera costante il farmaco di cui è ricoperto, scongiurando così il rischio di una nuova stenosi (restringimento). Per saperne di pi, clicca qui. 

 

Stent prostatico

Lo stent prostatico svolge una funzione simile a quella dei tradizionali stent cui si ricorre in ambito cardiovascolare, e permette di mantenere pervia l'uretra maschile e consentire così un normale flusso urinario.
Lo stent prostatico è una delle soluzioni per i pazienti con ostruzione prostatica, spesso dovuta a ipertrofia prostatica benigna. Per saperne di più, clicca qui. 

 

Stent ureterale

Lo stent ureterale è un piccolo tubo di materiale plastico, simile ai tradizionali stent cui si ricorre in ambito cardiovascolare. Consente di mantenere libero l'uretere, il condotto che fa passare l'urina dai reni alla vescica urinaria. Lo stent ureterale può essere utile in quei pazienti il cui uretere è ostruito da un calcolo renale o il cui funzionamento è compromesso da un tumore, anche ad altro organo vicino. Per saperne di più, clicca qui. 

 

 

Prenota una visita
I numeri di Humanitas
  • 2.3 milioni visite
  • +56.000 pazienti PS
  • +3.000 dipendenti
  • 45.000 pazienti ricoverati
  • 780 medici