COME TI POSSIAMO AIUTARE?

Centralino
+39 02 8224 1

Se hai bisogno di maggiori informazioni contattaci telefonicamente

Prenotazioni Private
+39 02 8224 8224

Prenota una visita in privato o con assicurazione telefonicamente, oppure direttamente online

Centri

Ortho Center
02 8224 8225
Cancer Center
02 8224 6280
Fertility Center
02 8224 4646
Centro Odontoiatrico
0282246868
Neuro Center
02 8224 8201
Cardio Center
02 8224 4330
Centro Obesità
02 8224 6970
Centro Oculistico
02 8224 2555
Centro Diagnostico Privato
02 8224 2100

Alfusozina

L’Alfusozina è utilizzata per trattare i sintomi dell’ipertrofia prostatica benigna.

 

Che cos’è l’Alfusozina?

L’Alfusozina è un farmaco alfa-bloccante. Agisce bloccando recettori presenti nelle vie urinarie basse e causando il rilassamento dei muscoli nel collo della vescica e della prostata. In questo modo migliora il flusso di urina.

 

Come si assume l’Alfusozina?

In genere l’Alfusozina viene somministrata per via orale, a stomaco pieno.

 

Effetti collaterali dell’Alfusozina

L’Alfusozina può causare erezioni prolungate e dolorose.
Fra gli altri suoi possibili effetti avversi sono inclusi:

 

È bene contattare subito un medico in caso di:

 

Avvertenze

L’Alfusozina non deve essere assunta in caso di problemi epatici e in caso di trattamento con altri alfa-bloccanti, con antifungini azolici, inibitori della proteasi dell’HIV, antibiotici macrolidi, nefazodone o telitromicina.

L’Alfusozina può compromettere le capacità di guidare e di manovrare macchinari pericolosi, soprattutto se assunta insieme ad alcolici o ad altri medicinali. Inoltre i capogiri associati alla sua assunzione possono essere aggravati dalle temperature elevate, dall’attività fisica e dalla febbre.

Prima di iniziare il trattamento è importante informare il medico:

  • di allergie al principio attivo, ai suoi eccipienti o ad altri farmaci o alimenti
  • dei medicinali, dei fitoterapici e degli integratori assunti, citando in particolare altri alfa- bloccanti, farmaci per la pressione bassa, amiodarone, betabloccanti, farmaci contro l’HIV, antibiotici macrolidi, nefazodone, nitrati, inibitori della fosfodiesterasi di tipo 5 e telitromicina
  • se si soffre (o si ha sofferto) di pressione bassa, problemi epatici o renali, disturbi alla prostata, tumori, dolori al petto (o se sono noti problemi cardiovascolari in famiglia), capogiri, sensazione di avere la testa leggera e svenimenti (soprattutto se dopo aver assunto dei farmaci)
  • se si ha in programma un intervento chirurgico agli occhi

 

È bene informare medici, chirurghi e dentisti del trattamento con Alfusozina.

Prenota una visita
I numeri di Humanitas
  • 2.3 milioni visite
  • +56.000 pazienti PS
  • +3.000 dipendenti
  • 45.000 pazienti ricoverati
  • 780 medici