COME TI POSSIAMO AIUTARE?

centralino

Se hai bisogno di maggiori informazioni contattaci telefonicamente

PRENOTAZIONI PRIVATE

Prenota una visita in privato o con assicurazione telefonicamente, oppure direttamente online CLICCANDO QUI

cancer center
+39 02 8224 6280
Cardio Center
+39 02 8224 4330
centro obesità
+39 02 8224 6970
centro oculistico
+39 02 8224 2555
fertility center
+39 02 8224 4646
centro odontoiatrico
+39 02 8224 6868
Centro per le malattie infiammatorie croniche dell’intestino
+39 02 8224 8282
Lab Centro Diagnostico Privato
+39 02 8224 8224
Ortho center
+39 02 8224 8225

Enciclopedia

Farmaci per iperlipidemie

I farmaci per le iperlipidemie servono a contrastare la presenza nociva di un'eccessiva concentrazione di lipidi (colesterolo, trigliceridi, fosfolipidi) nel plasma sanguigno. Le iperlipidemie sono condizioni patologiche caratterizzate da un aumento nel sangue dei livelli di colesterolo e lipoproteine, responsabili delle principali patologie a carico dell'apparato cardiovascolare: aterosclerosi, malattie coronariche, fenomeni trombotici, infarto miocardico. In base ai meccanismi di azione, i farmaci per le iperlipidemie possono essere divisi in diversi gruppi:

  • statine: gruppo di agenti farmacologici efficaci nel trattamento della ipercolesterolemia che agiscono inibendo la sintesi del colesterolo;
  • fibrati: farmaci usati nel trattamento dell'ipertrigliceridemia agendo su specifici recettori che giocano un ruolo chiave nell'adipogenesi;
  • resine sequestranti gli acidi biliari: farmaci utilizzati per ridurre i livelli di colesterolo nel sangue che agiscono inibendo il riassorbimento di una quota di acidi biliari rimossi dalla circolazione enteroepatica;
  • probucolo: farmaco ipocolesterolemizzante in grado di provocare una modica diminuzione del tasso ematico di LDL-colesterolo e di HDL. Il suo uso è consigliato per quei pazienti nei quali le elevate concentrazioni plasmatiche di LDL non vengono abbassate col solo trattamento dietetico o con altri farmaci;
  • ezetimibe: Farmaco antidislipidemico usato nelle ipercolesterolemie per la sua capacità di diminuire l'assorbimento del colesterolo a livello intestinale legandosi a un mediatorechiave di tale processo.

 

Come si assumono i farmaci per iperlipidemie?

I farmaci per le iperlipidemie sono commercializzati sotto forma di compresse o capsule da assumere per via orale o sotto forma di soluzioni per iniezioni. I farmaci per le iperlipidemie devono sempre essere utilizzati dietro prescrizione medica e seguendo strettamente le indicazioni riguardo alla posologia e alle modalità di assunzione. Non farlo potrebbe ridurre l'assorbimento del farmaco o rendere inutile il trattamento e mettere anche a serio rischio la vita, soprattutto in considerazione del fatto che i trattamenti a base di questi farmaci il più delle volte accompagnano i pazienti per molti anni, spesso diventando cronici.

 

Controindicazioni dei farmaci per iperlipidemie

I farmaci per il trattamento delle iperlipidemie possono dar vita a diversi effetti collaterali a seconda della tipologia di farmaco utilizzato. I disturbi più frequenti legati all'assunzione di questi farmaci sono:

Sono meno frequenti:

  • disordini metabolici: disfunzioni epatiche (aumento delle transaminasi-epatotossicità), disfunzioni renali;
  • disturbi centrali: cefalea;
  • disturbi muscolo-scheletrici: dolori muscolari e articolari di grave entità, rabdomiolisi.

In gravidanza e allattamento la somministrazione di farmaci per le iperlipidemie richiede un'attenta valutazione dei benefici clinici per la madre e dei rischi potenziali per il nascituro. Controindicazioni sussistono anche in caso di pazienti con asma, nefropatie, epatopatie, diabete.

 

I principali farmaci per iperlipidemie sono: