COME TI POSSIAMO AIUTARE?

Centralino
+39 02 8224 1

Se hai bisogno di maggiori informazioni contattaci telefonicamente

Prenotazioni Private
+39 02 8224 8224

Prenota una visita in privato o con assicurazione telefonicamente, oppure direttamente online

Centri

Ortho Center
02 8224 8225
Cancer Center
02 8224 6280
Fertility Center
02 8224 4646
Centro Odontoiatrico
0282246868
Cardio Center
02 8224 4330
Centro Obesità
02 8224 6970
Centro Oculistico
02 8224 2555
Centro Diagnostico Privato
02 8224 2100

Rivaroxaban

Il rivaroxaban viene utilizzato per prevenire e trattare la formazione di coaguli di sangue. Inoltre trova impiego nella riduzione del rischio di ictus e nella prevenzione e nel trattamento della trombosi venosa profonda.

Che cos'è il Rivaroxaban?

Il rivaroxaban blocca la formazione di coaguli sanguigni inibendo direttamente il fattore Xa della coagulazione.

Come si assume il Rivaroxaban?

Il rivaroxaban si somministra per via orale, sotto forma di compresse.

Effetti collaterali del Rivaroxaban

Il rivaroxaban può provocare lievi emorragie.

È importante contattare subito un medico in caso di:

Controindicazioni e avvertenze

Il rivaroxaban è controindicato in presenza di alcuni tipi di emorragie e di disturbi emorragici causati da malattie al fegato, a chi è portatore di una valvola cardiaca artificiale e in caso di alcuni problemi renali o epatici.
Il farmaco non deve inoltre essere assunto da chi è in trattamento con altri coagulanti, abciximab, bivalirudina, alteplase, boceprevir, carbamazepina, cobicistat, conivaptan, dabigratan, desirudina, enzalutamide, eptifibatide, idantoine, indinavir, itraconazolo, ketoconazolo, lopinavir, nelfinavir, fenobarbital, posaconazolo, rifamicine, ritonavir, saquinavir, telaprevir, tirofiban, voriconazolo e iperico

Il trattamento non deve essere mai interrotto senza il consenso del medico.

Prima di assumere il farmaco è importante informare il medico:

  • di eventuali allergie al principio attivo, ai suoi eccipienti, ad altri medicinali, ad alimenti o a qualsiasi altra sostanza
  • dei medicinali, dei fitoterapici e degli integratori assunti, in particolare altri coagulanti, abciximab, alteplase, aspirina o Fans, bivalirudina, dabigatran, desirudina, eptifabide, inibitori delle piastrine, tirofibran, boceprevir, claritromicina, cobicistat, conivaptan, eritromicina, fluconazolo, indinavir, itraconazolo, ketoconazolo, lopinavir, nelfinavir, posaconazolo, ritonavir, saquinavir, telaprevir, voriconazolo, carbamazepina, enzalutamide, idantoine, fenobarbital, rifamicine o iperico
  • se si soffre (o si ha sofferto) di malattie emorragiche o disturbi della coagulazione, pressione alta, problemi ai vasi sanguigni, anemia o altre malattie ematologiche, piastrine basse o altri problemi con le piastrine, malattie renali o epatiche, ictus, ulcere gastrointestinali, malattie ereditarie
  • se si è a rischio emorragie
  • se si ha in programma un intervento chirurgico
  • se si soffre di disturbi renali e si è in trattamento con amiodarone, azitromicina, cloramfenicolo, cimetidina, diltiazem, dronedarone, eritromicina, felodipina, chinidina, ranolazina o verapamil
  • in caso di gravidanza o allattamento

In caso di procedure spinali o epidurali durante il trattamento con rivarobaxan è bene avvertire il medico in caso di sintomi di problemi ai nervi, ad esempio mal di schiena, debolezza muscolare, paralisi, perdita del controllo dell'intestino o della vescica o intorpidimenti.
È inoltre importante informare medici, chirurghi e dentisti dell'assunzione di rivaroxaban.

Prenota una visita
I numeri di Humanitas
  • 2.3 milioni visite
  • +56.000 pazienti PS
  • +3.000 dipendenti
  • 45.000 pazienti ricoverati
  • 780 medici