COME TI POSSIAMO AIUTARE?

Centralino
+39 02 8224 1

Se hai bisogno di maggiori informazioni contattaci telefonicamente

Prenotazioni Private
+39 02 8224 8224

Prenota una visita in privato o con assicurazione telefonicamente, oppure direttamente online

Centri

IBD Center
0282248282
Dipartimento di Gastroenterologia
02 8224 8224
Ortho Center
02 8224 8225
Cancer Center
02 8224 6280
Fertility Center
02 8224 4646
Centro Odontoiatrico
0282246868
Cardio Center
02 8224 4330
Centro Obesità
02 8224 6970
Centro Oculistico
02 8224 2555

Metossammina

La Metossamina viene utilizzata per aumentare la pressione soprattutto durante episodi di ipotensione associati alla somministrazione di anestesia generale, epidurale o spinale.

Può inoltre essere utilizzata in caso di malattie cardiache congenite, ipotensione associata a bypass cardiopolmonare o alla somministrazione di un anestetico per via inalatoria e tachicardia parossistica sopraventricolare.

Che cos'è la Metossamina?

La Metossamina agisce inducendo una vasocostrizione che promuove un aumento della pressione sanguigna.

Come si assume la Metossamina?

La Metossamina è somministrata per via parenterale, mediante iniezioni intramuscolari o direttamente in vena.

Effetti collaterali della Metossamina

Fra i possibili effetti avversi della metossammina sono inclusi:

È bene contattare subito un medico nel caso in cui i seguenti sintomi siano gravi o persistenti:

Controindicazioni e avvertenze

Prima della somministrazione di Metossammina è importante informare il medico:

  • di allergie al principio attivo, ai suoi eccipienti o ad altri farmaci o alimenti
  • dei medicinali, dei fitoterapici e degli integratori assunti, in particolare metilergonovina
  • se si soffre (o si ha sofferto) di ipertensione, ipertiroidismo, malattie coronariche e fibrillazione ventricolare
  • in caso di infarto del miocardio
  • in caso di gravidanza o allattamento
Prenota una visita
I numeri di Humanitas
  • 2.3 milioni visite
  • +56.000 pazienti PS
  • +3.000 dipendenti
  • 45.000 pazienti ricoverati
  • 800 medici