COME TI POSSIAMO AIUTARE?

Centralino
+39 02 8224 1

Se hai bisogno di maggiori informazioni contattaci telefonicamente

Prenotazioni Private
+39 02 8224 8224

Prenota una visita in privato o con assicurazione telefonicamente, oppure direttamente online

Centri

IBD Center
0282248282
Dipartimento di Gastroenterologia
02 8224 8224
Ortho Center
02 8224 8225
Cancer Center
02 8224 6280
Fertility Center
02 8224 4646
Centro Odontoiatrico
0282246868
Cardio Center
02 8224 4330
Centro Obesità
02 8224 6970
Centro Oculistico
02 8224 2555

Dobutamina

La Dobutamina viene utilizzata principalmente per trattare lo scompenso cardiaco causato da un intervento chirurgico o da una malattia cardiaca.

Come funziona la Dobutamina?

La dobutamina agisce aumentando la forza e l'intensità del battito cardiaco, favorendo così una maggiore circolazione del sangue.

Come si assume la Dobutamina?

La dobutamina viene somministrata mediante iniezioni.

Effetti collaterali della Dobutamina

Fra i possibili effetti collaterali della dobutamina sono inclusi:

È importante contattare subito un medico in caso di:

Controindicazioni e avvertenze

La dobutamina non deve essere assunta in caso di problemi alle valvole cardiache, tumori al surrene, tachiaritmie o stenosi subaortica ipertrofica idiopatica.
Inoltre prima del trattamento è importante informare il medico:

  • di eventuali allergie al principio attivo, ai suoi eccipienti, ai solfiti o a qualsiasi altro farmaco o alimento
  • degli altri medicinali, dei fitoterapici e degli integratori che si stanno assumendo, in particolare cimetidina, metildopa, inibitori della catecol-O-metiltransferasi (COMT) e droxidopa
  • nel caso in cui si soffra (o si abbia sofferto) di battito cardiaco irregolare, ipovolemia, diabete o pressione alta
  • in caso di gravidanza o allattamento al seno
  • È infine importante informare chirurghi e dentisti dell'assunzione di dobutamina.
Prenota una visita
I numeri di Humanitas
  • 2.3 milioni visite
  • +56.000 pazienti PS
  • +3.000 dipendenti
  • 45.000 pazienti ricoverati
  • 800 medici