COME TI POSSIAMO AIUTARE?

centralino

Se hai bisogno di maggiori informazioni contattaci telefonicamente

PRENOTAZIONI PRIVATE

Prenota una visita in privato o con assicurazione telefonicamente, oppure direttamente online CLICCANDO QUI

INTERNATIONAL PATIENTS

+39 02 8224 7038

Working hours: Monday to Friday, 9 a.m. – 5 p.m. (Italian time)

cancer center
+39 02 8224 6280
Cardio Center
+39 02 8224 4330
centro obesità
+39 02 8224 6970
centro oculistico
+39 02 8224 2555
fertility center
+39 02 8224 4646
centro odontoiatrico
+39 02 8224 6868
Centro per le malattie infiammatorie croniche dell’intestino
+39 02 8224 8282
Lab Centro Diagnostico Privato
+39 02 8224 8224
Ortho center
+39 02 8224 8225

Tetrabenazina

La tetrabenazina è utilizzata nel trattamento dei movimenti involontari associati alla corea di Hungtington.

 

Che cos'è la tetrabenazina?

La tetrabenazina riduce i livelli cerebrali di alcune molecole, inclusi quelli di dopamina, noradrenalina e serotonina. Il suo esatto meccanismo di funzionamento non è però del tutto noto.

 

Come si assume la tetrabenazina?

La tetrabenazina viene somministrata per via orale.

 

Effetti collaterali del tetrabenazina

L'assunzione di tetrabenazina può scatenare la sindrome neurolettica maligna. Inoltre può essere associata alla comparsa di movimenti incontrollati e aumentare il livello di prolattina nel sangue.
Fra gli altri suoi possibili effetti avversi sono inclusi:

 

È bene contattare subito un medico in caso di:

 

Avvertenze

La tetrabenazina è controindicata in caso di pensieri suicidi, depressione non trattata o non controllata dai farmaci, riduzione della funzionalità epatica, sindrome del QT lungo o battito cardiaco irregolare. Non dovrebbe inoltre essere assunta insieme ad alcuni farmaci che possono influenzare la funzionalità cardiaca, come alcuni antibiotici, alcuni antiaritmici e alcuni farmaci per problemi psicologici o disturbi dell'umore, o se nei 20 giorni precedenti sono stati assunti MAO inibitori o reserpina.

La tetrabenazina può compromettere le capacità di guidare e di manovrare macchinari pericolosi, soprattutto se assunta insieme ad alcolici o ad altri medicinali. Inoltre i capogiri associati alla sua assunzione possono essere aggravati dalle temperature elevate, dall'attività fisica e dalla febbre.

Prima di iniziare il trattamento è importante informare il medico:

  • di allergie al principio attivo, ai suoi eccipienti, a farmaci o alimenti
  • dei medicinali, dei fitoterapici e degli integratori assunti, in particolare antibiotici, farmaci contro irregolarità del battito cardiaco, farmaci per problemi comportamentali o psichiatrici, duloxetina, fluoxetina, farmaci neurolettici, paroxetina, reserpina, sertralina, terbinafina e MAO inibitori
  • se si soffre (o si ha sofferto) di depressione, istinti suicidi, problemi psicologici o disturbi dell'umore, malattie cardiache, squilibri elettrolitici (ad esempio carenze di potassio o magnesio nel sangue) o scarso metabolismo del CYP2D6
  • in caso di infarto recente
  • in caso di gravidanza o allattamento