COME TI POSSIAMO AIUTARE?

centralino

Se hai bisogno di maggiori informazioni contattaci telefonicamente

PRENOTAZIONI PRIVATE

Prenota una visita in privato o con assicurazione telefonicamente, oppure direttamente online CLICCANDO QUI

INTERNATIONAL PATIENTS

+39 02 8224 7038

Working hours: Monday to Friday, 9 a.m. – 5 p.m. (Italian time)

cancer center
+39 02 8224 6280
Cardio Center
+39 02 8224 4330
centro obesità
+39 02 8224 6970
centro oculistico
+39 02 8224 2555
fertility center
+39 02 8224 4646
centro odontoiatrico
+39 02 8224 6868
Centro per le malattie infiammatorie croniche dell’intestino
+39 02 8224 8282
Lab Centro Diagnostico Privato
+39 02 8224 8224
Ortho center
+39 02 8224 8225

Reserpina

La Reserpina è utilizzata per trattare la pressione alta, ma trova inoltre applicazione nel trattamento di forti stati di agitazione nei pazienti affetti da disturbi psichiatrici.

 

Come funziona la Reserpina?

La Reserpina è un alcaloide che riduce l'attività del sistema nervoso, rallentando così il battito cardiaco e rilassando i vasi sanguigni.
Per farlo inibisce il recupero della noradrenalina a livello delle sinapsi sia nel sistema nervoso centrale che nel sistema nervoso periferico.

 

Come si assume la Reserpina?

In genere la Reserpina si assume una volta al giorno per via orale, sotto forma di compresse da deglutire.

 

Effetti collaterali della Reserpina

Fra i possibili effetti avversi della Reserpina sono inclusi:

È bene contattare subito un medico in caso di:

 

Controindicazioni e avvertenze della Reserpina

La Reserpina può compromettere le capacità di guidare e di manovrare macchinari pericolosi.

Gli effetti avversi del farmaco possono essere aggravati dall'alcol.
Prima di assumere Reserpina è importante informare il medico:

  • di allergie al principio attivo, ai suoi eccipienti, ad altri farmaci (in particolare all'aspirina) o alla tartrazina (un colorante giallo presente in alcuni cibi processati e in alcuni farmaci)
  • dei medicinali, dei fitoterapici e degli integratori assunti, citando in particolare amitriptilina, clomipramide, desipramina, digossina, doxepina, efedrina, epinefrina, imipramina, MAO inibitori, nortriptilina, fenilefrina, protriptilina, chinidina e trimipramina
  • se si soffre (o si è sofferto) di malattie renali, calcoli alla cistifellea, ulcere, colite ulcerosa, depressione
  • se si è mai dovuto affrontare un elettroshock
  • in caso di gravidanza o allattamento

È inoltre necessario informare chirurghi e dentisti di terapie in corso con Reserpina.