COME TI POSSIAMO AIUTARE?

Centralino
+39 02 8224 1

Se hai bisogno di maggiori informazioni contattaci telefonicamente

Prenotazioni Private
+39 02 8224 8224

Prenota una visita in privato o con assicurazione telefonicamente, oppure direttamente online

Centri

IBD Center
0282248282
Dipartimento di Gastroenterologia
02 8224 8224
Ortho Center
02 8224 8225
Cancer Center
02 8224 6280
Fertility Center
02 8224 4646
Centro Odontoiatrico
0282246868
Cardio Center
02 8224 4330
Centro Obesità
02 8224 6970
Centro Oculistico
02 8224 2555

Meflochina

Che cos'è la Meflochina?

La Meflochina è un farmaco antimalarico. Agisce uccidendo il parassita che causa la malaria.

A cosa serve la Meflochina?

La Meflochina è utilizzata per trattare la malaria e per prevenirla in caso di viaggi in aree del mondo in cui la malattia è endemica.

Come si assume la Meflochina?

La Meflochina si assume per via orale sotto forma di compresse da ingerire con il cibo (preferibilmente con il pasto principale) e un bicchiere abbondante di acqua. Le compresse possono anche essere sbriciolate e assunte con una bevanda.
Il trattamento profilattico prevede in genere l'assunzione di una dose a settimana a partire da 1-3 settimane prima della partenza e deve continuare per 4 settimane dopo il rientro.
La posologia in caso di terapia della malaria varia da paziente a paziente.

Effetti collaterali della Meflochina

Fra i possibili effetti avversi della Meflochina sono inclusi:

È importante rivolgersi subito a un medico se il trattamento è associato a:

Controindicazioni e avvertenze della Meflochina

Se assunta per trattare la malaria la Meflochina può indurre vomito. Se si vomita entro 30 minuti dall'assunzione è necessario assumere un'altra dose. Se si vomita tra 30 e 60 minuti dopo l'assunzione è necessario assumere una nuova mezza dose. Se si vomita ancora dopo avere assunto una nuova dose è necessario consultare un medico.

Il farmaco può compromettere la capacità di guidare o di manovrare macchinari pericolosi.

È bene ricordare che la Meflochina riduce il rischio di essere infettati dal parassita della malaria, ma non esclude totalmente la possibilità di ammalarsi.

Prima di assumere il farmaco è bene avvisare il medico:

  • di allergie alla Meflochina, ai suoi principi attivi, alla chinidina, al chinino o al qualsiasi altro farmaco
  • dei medicinali, dei fitoterapici e degli integratori assunti, menzionando in particolare anticoagulanti, antidepressivi, antistaminici, calcio antagonisti, betabloccanti, antidiabetici, antipsicotici, anticonvulsivanti, farmaci per problemi di stomaco e rifampin
  • in caso di assunzione, anche nelle 15 settimane precedenti, di alofantrina o ketoconazolo
  • se si soffre (o si è sofferto) di prolungamento dell'intervallo QT, anemia o malattie oculistiche, epatiche o cardiache
  • in caso di gravidanza o allattamento
  • se è necessario sottoporsi a vaccinazioni
Prenota una visita
I numeri di Humanitas
  • 2.3 milioni visite
  • +56.000 pazienti PS
  • +3.000 dipendenti
  • 45.000 pazienti ricoverati
  • 800 medici