COME TI POSSIAMO AIUTARE?

centralino

Se hai bisogno di maggiori informazioni contattaci telefonicamente

PRENOTAZIONI PRIVATE

Prenota una visita in privato o con assicurazione telefonicamente, oppure direttamente online CLICCANDO QUI

cancer center
+39 02 8224 6280
Cardio Center
+39 02 8224 4330
centro obesità
+39 02 8224 6970
centro oculistico
+39 02 8224 2555
fertility center
+39 02 8224 4646
centro odontoiatrico
+39 02 8224 6868
Centro per le malattie infiammatorie croniche dell’intestino
+39 02 8224 8282
Lab Centro Diagnostico Privato
+39 02 8224 8224
Ortho center
+39 02 8224 8225

Triamcinolone

Il Triamcinolone può essere utilizzato per trattare molte diverse condizioni, dalle allergie ai disturbi dermatologici, passando per le malattie reumatiche, la colite ulcerosa, la psoriasi e alcune malattie dell'apparato respiratorio.

Che cos'è il Triamcinolone?

Il Triamcinolone è un corticosteroide. Agisce prevenendo il rilascio di molecole che causano infiammazione.

Come si assume il Triamcinolone?

A seconda della patologia da trattare il Triamcinolone può essere somministrato per via orale, mediante inalazione o tramite iniezioni (intrarticolari, intrasinoviali o sottocutanee).
Se il medico lo ritiene necessario il dosaggio può essere modificato durante il corso del trattamento.

Effetti collaterali del Triamcinolone

I corticosteroidi possono indebolire il sistema immunitario, aumentando il rischio di infezioni.

È importante rivolgersi subito a un medico in caso di:

Possibili effetti avversi meno gravi sono:

Avvertenze

Durante il trattamento con triamcinolone è bene evitare il contatto con persone malate. È inoltre sconsigliato sottoporsi a vaccinazioni con vaccini "vivi".

Prima di iniziare ad assumere il farmaco è importante informare il medico:

  • di eventuali allergie al principio attivo, ai suoi eccipienti o a qualsiasi altro farmaco o alimento
  • degli altri medicinali, dei fitoterapici e degli integratori che si stanno assumendo, in particolare aspirina, diuretici, anticoagulanti, ciclosporina, insulina o antidiabetici, ketoconazolo, rifampicina e anticonvulsivanti
  • nel caso in cui si soffra (o si abbia sofferto) di malattie epatiche, renali o alla tiroide, diabete, malaria, tubercolosi, osteoporosi, disturbi muscolari, glaucoma, cataratta, herpes oftalmico, ulcere gastriche, colite ulcerosa, diverticolite, depressione, malattie psichiatriche, scompenso cardiaco congestizio o pressione alta
  • in caso di gravidanza o allattamento al seno

Il trattamento con Triamcinolone non deve essere interrotto improvvisamente, pena la comparsa dei sintomi di un'astinenza.