COME TI POSSIAMO AIUTARE?

Centralino
+39 02 8224 1

Se hai bisogno di maggiori informazioni contattaci telefonicamente

Prenotazioni Private
+39 02 8224 8224

Prenota una visita in privato o con assicurazione telefonicamente, oppure direttamente online

Centri

IBD Center
0282248282
Dipartimento di Gastroenterologia
02 8224 8224
Ortho Center
02 8224 8225
Cancer Center
02 8224 6280
Fertility Center
02 8224 4646
Centro Odontoiatrico
0282246868
Cardio Center
02 8224 4330
Centro Obesità
02 8224 6970
Centro Oculistico
02 8224 2555

Sparfloxacina

La sparfloxacina viene utilizzata nel trattamento di infezioni da batteri sensibili alla sua azione, per esempio polmoniti causate da Chlamydia pneumoniae o da Haemophilus influenzae e peggioramenti acuti di brochiti croniche causate da Chlamydia pneumoniae, Enterobacter cloacae, Haemophilus influenzae o Klebsiella pneumoniae.

Trova inoltre impiego nel trattamento della lebbra.

 

 

Come funziona la sparfloxacina?

La sparfloxacina agisce inibendo l’attività degli enzimi topoisomerasi II (detta anche DNA girasi) e topoisomerasi IV, necessari per la replicazione, la trascrizione, la riparazione e la ricombinazione del DNA dei batteri.

 

 

Come si somministra la sparfloxacina?

La sparfloxacina viene somministrata per via orale. Deve essere assunta con un bicchiere pieno d’acqua.

 

 

Effetti collaterali

La sparfloxacina può aumentare la sensibilità della pelle al sole.

Fra gli altri suoi possibili effetti avversi sono inclusi:

 

È importante contattare subito un medico in caso di:

 

 

Controindicazioni e avvertenze

Durante il trattamento è bene aumentare la quantità di fluidi assunta per evitare che la sparfloxacina formi cristalli nelle urine.
Eventuali antiacidi contenenti magnesio o alluminio, il sucralfato o integratori contenenti ferro o zinco devono essere assunti almeno a quattro ore di distanza dall’ultima dose di sparfloxacina.

 

Prima di assumerla è importante informare il medico:

  • di eventuali allergie al principio attivo, ai suoi eccipienti, a qualsiasi altro farmaco, ad alimenti o ad altre sostanze
  • dei medicinali, dei fitoterapici e degli integratori assunti, in particolare amiodarone, chinidina, procainamide, sotalolo, bepridile, terfenadina, astemizolo, antidepressivi triciclici, fenotiazine, eritromicina e cisapride
  • se si soffre (o si ha sofferto) di malattie renali, problemi cardiovascolari, convulsioni o epilessia
  • in caso di gravidanza o allattamento
Prenota una visita
I numeri di Humanitas
  • 2.3 milioni visite
  • +56.000 pazienti PS
  • +3.000 dipendenti
  • 45.000 pazienti ricoverati
  • 800 medici