COME TI POSSIAMO AIUTARE?

Centralino
+39 02 8224 1

Se hai bisogno di maggiori informazioni contattaci telefonicamente

Prenotazioni Private
+39 02 8224 8224

Prenota una visita in privato o con assicurazione telefonicamente, oppure direttamente online

Centri

IBD Center
0282248282
Dipartimento di Gastroenterologia
02 8224 8224
Ortho Center
02 8224 8225
Cancer Center
02 8224 6280
Fertility Center
02 8224 4646
Centro Odontoiatrico
0282246868
Cardio Center
02 8224 4330
Centro Obesità
02 8224 6970
Centro Oculistico
02 8224 2555

Clindamicina

La Clindamicina è più attiva della Lincomicina sui batteri Gram-negativi, è attiva sui cocchi Gram-positivi, sui batteri anaerobi obbligati (Bacteroides spp) e su Plasmodium spp. Viene utilizzata nel trattamento di infezioni gravi sostenute da batteri anaerobi (setticemie, ascessi polmonari e addominali, peritoniti), infezioni da cocchi Gram-positivi resistenti ad altri antibiotici e nella terapia della malaria resistente alle 4-aminochinoline.

Come funziona la Clindamicina?

La Clindamicina è un antibiotico derivato semisintetico della Lincomicina (sostanza antibiotica a sua volta prodotta a partire dall'actinomicete Streptomyces lincolnensis). Appartiene al gruppo delle lincosamidi e ha attività batteriostatica (che provoca cioè l'arresto della crescita batterica senza uccisione dei microrganismi) o battericida (in grado cioè di uccidere i batteri) a seconda della concentrazione a cui viene somministrata.
Lo spettro di attività antimicrobica e il meccanismo d'azione della Clindamicina sono simili a quelli dell'Eritromicina (che agisce inibendo la sintesi proteica batterica ed esercita una marcata attività batteriostatica o battericida a seconda della concentrazione del farmaco e della specie microbica su cui va ad agire) e di altri antibiotici macrolidi.

Come si assume la Clindamicina?

La Clindamicina viene assunta perlopiù per via orale (compresse) e parenterale, ma esiste anche in formulazioni (gel) adatte all'uso cutaneo.

Effetti collaterali della Clindamicina

A causa dei potenziali effetti collaterali a cui può dar vita, la Clindamicina viene solitamente impiegata come farmaco di seconda scelta. Di particolare rilievo risultano essere soprattutto gli effetti sull'apparato gastroenterico (nausea, vomito, dolori addominali crampiformi, diarrea persistente e nei casi più gravi anche colite pseudomembranosa). Più rari sono altri effetti collaterali come cefalea, prurito, reazioni dermatologiche a carattere allergico e ipertransaminasemia.

Controindicazioni e avvertenze

Particolare attenzione deve essere prestata durante la terapia a base di Clindamicina all'assunzione contemporanea di altri antibiotici come i macrolidi per il potenziamento sia dell'effetto terapeutico che delle reazioni avverse. La contestuale assunzione di Eritromicina potrebbe determinare la riduzione dell'efficacia terapeutica.

Prenota una visita
I numeri di Humanitas
  • 2.3 milioni visite
  • +56.000 pazienti PS
  • +3.000 dipendenti
  • 45.000 pazienti ricoverati
  • 800 medici