COME TI POSSIAMO AIUTARE?

centralino

Se hai bisogno di maggiori informazioni contattaci telefonicamente

PRENOTAZIONI PRIVATE

Prenota una visita in privato o con assicurazione telefonicamente, oppure direttamente online CLICCANDO QUI

INTERNATIONAL PATIENTS

+39 02 8224 7038

Working hours: Monday to Friday, 9 a.m. – 5 p.m. (Italian time)

cancer center
+39 02 8224 6280
Cardio Center
+39 02 8224 4330
centro obesità
+39 02 8224 6970
centro oculistico
+39 02 8224 2555
fertility center
+39 02 8224 4646
centro odontoiatrico
+39 02 8224 6868
Centro per le malattie infiammatorie croniche dell’intestino
+39 02 8224 8282
Lab Centro Diagnostico Privato
+39 02 8224 8224
Ortho center
+39 02 8224 8225

Passiflora

Che cos’è la passiflora?

La passiflora è il nome comune di Passiflora incarnata, pianta rampicante americana.

A cosa serve la passiflora?

Diverse sono le proprietà che vengono attribuite ai prodotti a base di passiflora, sebbene molte siano ancora da confermare dal punto di vista scientifico. In particolare gli estratti di questa pianta vengono inseriti come ingrediente in diversi integratori per le loro capacità di agire contro l'insonnia, contro l'ansia, contro il nervosismo (ha proprietà sedative del sistema nervoso centrale) e per alleviare diversi disturbi a carico del sistema gastrointestinale (ha proprietà antispastiche sulla muscolatura liscia). La passiflora viene anche utilizzata per alleviare condizioni come palpitazioni, battito cardiaco irregolare e ipertensione arteriosa.

Altri usi della passiflora riguardano la sua capacità di intervenire positivamente su condizioni anche molto differenti tra loro tra cui convulsioni, asma, sintomi della menopausa, disturbo da deficit di attenzione-iperattività (ADHD), irritabilità, fibromialgia, sintomatologie dolorose. Infine preparati topici a base di passiflora possono essere applicati localmente contro emorroidi, ustioni, dolore e gonfiore dovuti a infiammazioni.

Avvertenze e possibili controindicazioni

L'uso di prodotti a base di passiflora è generalmente considerato sicuro. Gli effetti avversi più comunemente riscontrati sono vertigini e confusione. Effetti collaterali meno comuni riguardano disturbi nella coordinazione muscolare, alterazione della coscienza e infiammazione dei vasi sanguigni. Particolare attenzione deve essere posta in caso di contemporanea assunzione di farmaci sedativi, poiché la passiflora può aumentare il rischio di eccessiva sonnolenza. In gravidanza è controindicato l'uso della passiflora, poiché può provocare contrazioni uterine. Durante l'allattamento è bene astenersi dall'uso di questa sostanza, poiché non sono ancora del tutto noti gli eventuali rischi cui si potrebbe andare incontro.

Poiché la passiflora può avere effetti sedativi sul sistema nervoso centrale, potrebbe aumentare gli effetti dell'anestesia e di altri farmaci: in caso di un intervento chirurgico programmato, è consigliabile interrompere l'assunzione di passiflora almeno due settimane prima.

 

 

Disclaimer 

Le informazioni riportate rappresentano indicazioni generali e non sostituiscono in alcun modo il   parere medico. Per garantirsi un’alimentazione sana ed equilibrata è sempre bene affidarsi ai   consigli del proprio medico curante o di un esperto di nutrizione.