COME TI POSSIAMO AIUTARE?

Centralino
+39 02 8224 1

Se hai bisogno di maggiori informazioni contattaci telefonicamente

Prenotazioni Private
+39 02 8224 8224

Prenota una visita in privato o con assicurazione telefonicamente, oppure direttamente online

Centri

IBD Center
0282248282
Dipartimento di Gastroenterologia
02 8224 8224
Ortho Center
02 8224 8225
Cancer Center
02 8224 6280
Fertility Center
02 8224 4646
Centro Odontoiatrico
0282246868
Cardio Center
02 8224 4330
Centro Obesità
02 8224 6970
Centro Oculistico
02 8224 2555

Ipecacuana

Che cos’è l’ipecacuana?

L'ipecacuana (Psychotria ipecacuanha, nota anche come ipecac) è una pianta appartenente alla famiglia delle Rubiaceae, utilizzata per ottenere prodotti a uso medicinale da assumere per via orale (in particolare, lo sciroppo di ipecac).

A cosa serve l’ipecacuana?

L'ipecacuana è nota per la sua capacità di irritare l'apparato digerente e di scatenare, così, il vomito. Per questo viene assunta per via orale come emetico in caso di sospetto avvelenamento. Inoltre viene consigliata come espettorante e la sua assunzione viene per esempio proposta in caso di bronchite e di tosse grassa. Infine, l'ipecacuana è utilizzato in caso di forme gravi di dissenteria e contro il cancro, e, in piccole dosi, per migliorare l'appetito.

Non risulta che l'Efsa (l'Autorità europea per la sicurezza alimentare) abbia autorizzato alcun claim che certifichi i possibili benefici derivanti dall'assunzione di ipecacuana e le prove scientifiche della sua efficacia sono ancora insufficienti. Anche i reali benefici della sua assunzione in caso di avvelenamento viene messa in dubbio, soprattutto se si lascia passare troppo tempo tra l'avvelenamento e il trattamento; sembra infatti che già dopo 10 minuti lo sciroppo di ipecac permetta di eliminare al massimo il 54% del veleno ingerito.

Avvertenze e possibili controindicazioni

L'ipecacuana – in particolare lo sciroppo di ipecac – non deve essere assunto in combinazione con il carbone attivo. Quest'ultimo può infatti legare lo sciroppo di ipecac già a livello dello stomaco, riducendo così la sua efficacia.

Se assunta per via orale per un breve periodo l'ipecacuana è considerata un rimedio sicuro; tuttavia non mancano possibili effetti collaterali, in particolare nausea e vomito, irritazioni gastriche, capogiri, pressione bassa, fiato corto e battito cardiaco accelerato. L'assunzione per via orale di ipecacuana prolungata nel tempo o in dosi elevate può invece essere pericolosa e portare a gravi avvelenamenti, danneggiamento del cuore e, nei casi più gravi, decesso. Per questo è bene non superare i dosaggi indicati.

Se assunta durante la gravidanza, l'ipecacuana potrebbe provocare un aborto. Non è invece noto il suo profilo di sicurezza durante l'allattamento.

Infine, l'ipecacuana può essere controindicata in caso di problemi gastrointestinali e malattie cardiache.

 

 

Disclaimer 

Le informazioni riportate rappresentano indicazioni generali e non sostituiscono in alcun modo il   parere medico. Per garantirsi un’alimentazione sana ed equilibrata è sempre bene affidarsi ai   consigli del proprio medico curante o di un esperto di nutrizione.

 

Prenota una visita
I numeri di Humanitas
  • 2.3 milioni visite
  • +56.000 pazienti PS
  • +3.000 dipendenti
  • 45.000 pazienti ricoverati
  • 800 medici