COME TI POSSIAMO AIUTARE?

Centralino
+39 02 8224 1

Se hai bisogno di maggiori informazioni contattaci telefonicamente

Prenotazioni Private
+39 02 8224 8224

Prenota una visita in privato o con assicurazione telefonicamente, oppure direttamente online

Centri

Ortho Center
02 8224 8225
Cancer Center
02 8224 6280
Fertility Center
02 8224 4646
Centro Odontoiatrico
0282246868
Neuro Center
02 8224 8201
Cardio Center
02 8224 4330
Centro Obesità
02 8224 6970
Centro Oculistico
02 8224 2555
Centro Diagnostico Privato
02 8224 2100

Escina

Che cosa è l’escina?

L'escina è un composto vegetale che si ricava dalla miscela delle saponine contenute nei semi, nella corteccia e nelle foglie dell’ippocastano.

 

A cosa serve l’escina?

Diverse sono le proprietà che vengono attribuite all’escina. Questa sostanza, contenuta anche in alcuni preparati medicinali, è in grado di aumentare la resistenza e diminuire la permeabilità dei capillari (azione anti-edema): per questa sua caratteristica viene impiegata nel trattamento di vari tipi di edemi, in caso di vene varicose ed emorroidi, ematomi e contusioni e di fragilità capillare. In generale, l’assunzione di prodotti a base di escina può essere di aiuto in presenza di gonfiore e pesantezza agli arti inferiori. Poiché è in grado di aumentare la tonicità delle pareti dei vasi sanguigni e favorire la contrattilità delle vene, riducendo il ristagno di sangue negli arti inferiori e facilitando il ritorno del sangue al cuore, questa sostanza può essere assunta anche in caso di insufficienza venosa periferica. L’escina avrebbe inoltre proprietà antinfiammatorie. 

Attualmente non risulta alcun claim autorizzato dall’Efsa (l’Autorità europea per la sicurezza alimentare) specifico per prodotti a base di escina. 

 

Avvertenze e possibili controindicazioni

Poiché elevati dosaggi di escina possono provocare danni sul glomerulo e sul tubulo renale, l’utilizzo di questa sostanza è controindicato in presenza di nefropatie o insufficienza renale. Gli effetti collaterali più frequentemente riscontrati sono quelli a carico dell’apparato gastrointestinale. Poiché l’escina potrebbe rallentare la coagulazione del sangue, l’assunzione di questa sostanza potrebbe aumentare il rischio di lividi e sanguinamento nelle persone con disturbi emorragici. L’escina inoltre potrebbe comportare l’abbassamento della glicemia nel sangue. Questa sostanza, infine, può risultare irritante per il tratto gastrointestinale e nociva per il fegato: è bene dunque non utilizzarla se si soffre di disturbi intestinali, di stomaco o epatici. Se ne sconsiglia l’assunzione in caso di gravidanza e allattamento.  

 

 

Disclaimer 

Le informazioni riportate rappresentano indicazioni generali e non sostituiscono in alcun modo il parere  medico. Per garantirsi un’alimentazione sana ed equilibrata è sempre bene affidarsi ai consigli del proprio  medico curante o di un esperto di nutrizione.

 

Prenota una visita
I numeri di Humanitas
  • 2.3 milioni visite
  • +56.000 pazienti PS
  • +3.000 dipendenti
  • 45.000 pazienti ricoverati
  • 780 medici