COME TI POSSIAMO AIUTARE?

centralino

Se hai bisogno di maggiori informazioni contattaci telefonicamente

PRENOTAZIONI PRIVATE

Prenota una visita in privato o con assicurazione telefonicamente, oppure direttamente online CLICCANDO QUI

cancer center
+39 02 8224 6280
Cardio Center
+39 02 8224 4330
centro obesità
+39 02 8224 6970
centro oculistico
+39 02 8224 2555
fertility center
+39 02 8224 4646
centro odontoiatrico
+39 02 8224 6868
Centro per le malattie infiammatorie croniche dell’intestino
+39 02 8224 8282
Lab Centro Diagnostico Privato
+39 02 8224 8224
Ortho center
+39 02 8224 8225

Infezione da Proteus

Come si contrae l'infezione da Proteus?

Spesso l’infezione da Proteus viene contratta in ospedale tramite contaminazione di materiali vari, ad esempio di cateteri. Fra i fattori di rischio sono inclusi infezioni ricorrenti alle vie urinarie, trattamenti ripetuti a base di antibiotici, ostruzioni delle vie urinarie, e l’utilizzo di strumentazioni uretrali.

L’infezione da Proteus è inoltre più frequente fra le donne, in chi utilizza da lungo tempo un catetere e in chi è affetto da altre malattie.

 

Sintomi e malattie associate all'infezione da Proteus

Fra i problemi di salute associati all’infezione da Proteus sono incluse:

  • cistiti
  • pielonefriti
  • uretriti
  • prostatiti
  • calcoli, anche cronici o recidivanti (che potrebbero indicare la presenza di un’infezione cronica)
  • sepsi

A seconda dei casi, i sintomi possono quindi includere:

  • difficoltà ad urinare
  • presenza di pus nelle urine
  • aumento della frequenza della minzione
  • negli uomini, perdite uretrali
  • dolore sopra al pube
  • dolore alla schiena
  • dolore al fianco
  • sensibilità al tatto dell’area sotto al costato
  • presenza di sangue nelle urine
  • riduzione del volume di urine, che possono avere un aspetto concentrato
  • febbre
  • brividi
  • nausea
  • vomito
  • in rari casi, reni sensibili al tatto

 

Che cos'è l'infezione da Proteus?

Il genere Proteus, appartenente alla famiglia delle Enterobacteriaceae, riunisce batteri Gram-negativi (per la precisione, bacilli) comunemente presenti nella flora batterica intestinale umana e in diversi ambienti, inclusi ospedali e case di cura. In particolare, Proteus mirabilis è considerato la causa del 90% delle infezioni contratte al di fuori degli ambienti di ricovero, mentre Proteus vulgaris e Proteus penneri sono più comuni negli ospedali e nelle case di cura; inoltre queste due specie colpiscono più spesso persone già alle prese con altre malattie o con un sistema immunitario compromesso.

 

Cure e trattamenti

Quando colpisce le vie urinarie femminili, l’infezione da Proteus può essere trattata per via orale assumendo un chinolone o la combinazione trimetoprim/sulfametossazolo.

Sempre nelle donne, i chinoloni per via orale sono utili anche in caso di pielonefrite acuta senza complicazioni; in alternativa può essere prescritta una singola dose di ceftriaxone o di gentamicina seguita da trimetoprim/sulfametossazolo, oppure un trattamento a base di cefalosporina. In caso di ricovero i farmaci possono essere somministrati anche per via parenterale.

Le infezioni complicate possono essere trattate con terapie a base di ceftriaxone, chinoloni, gentamicina abbinata ad ampicillina o aztreonam per via parenterale (o, se disponibili, per via orale) seguite da un eventuale trattamento orale con chinoloni, cefalosporine o trimetoprim/sulfametossazolo.

 

Disclaimer: Le informazioni riportate rappresentano indicazioni generali e non sostituiscono in alcun modo il parere del medico. In caso di malessere è consigliabile rivolgersi al proprio medico o recarsi al pronto soccorso.