COME TI POSSIAMO AIUTARE?

Centralino
+39 02 8224 1

Se hai bisogno di maggiori informazioni contattaci telefonicamente

Prenotazioni Private
+39 02 8224 8224

Prenota una visita in privato o con assicurazione telefonicamente, oppure direttamente online

Centri

Ortho Center
02 8224 8225
Cancer Center
02 8224 6280
Fertility Center
02 8224 4646
Neuro Center
02 8224 8201
Cardio Center
02 8224 4330
Centro Obesità
02 8224 6970
Centro Oculistico
02 8224 2555

Linfociti

Cosa sono i linfociti?

Cellule del sangue appartenenti ai globuli bianchi, i linfociti rappresentano il cuore dell’immunità acquisita, insieme ai macrofagi e ai monociti. I linfociti si distinguono in linfociti B e linfociti T.
I linfociti B producono anticorpi, che si legano all’antigene specifico e contribuiscono così alla sua distruzione. I linfociti T si sviluppano nel timo e sono a loro volta suddivisi in linfociti T helper (DD4) e linfociti T citotossici. I primi organizzano l’azione di diverse cellule dell’immunità (come linfociti B, T e macrofagi) e stimolano la produzione di anticorpi da parte dei linfociti B in risposta agli antigeni. I linfociti T citotossici invece sono in grado di distruggere altre cellule.

Come agiscono i linfociti?

I linfociti producono immunoglobuline (anticorpi) o tossine in grado di indurre la distruzione delle cellule batteriche o le cellule riconosciute come estranee all’organismo (attività detta citotossica-killer). Possono anche produrre molecole (citochine o interleuchine) che stimolano l’attivazione e la proliferazione di altri linfociti o richiamano in sede di infezione altre cellule coinvolte nella risposta immunitaria come i macrofagi o i neutrofili.

 

Linfociti alti

Nei bambini tra i 4 mesi e i 4 anni una linfocitosi (un numero maggiore di linfociti rispetto agli altri globuli bianchi) è assolutamente fisiologica. Nelle altre fasce d’età l’aumento dei linfociti può essere determinato da infezioni virali o batterichepatologie infiammatorie cronicheneoplasie ematologicheipersensibilità nei confronti dei farmaci.

Linfociti bassi

Per contro anche una riduzione del numero di linfociti può avere svariate motivazioni tra cui l’uso di farmaci a base di cortisone, di antiblastici, di patologie autoimmuni sistemiche, di scompensi cardiaci.

 

Tipo di campione e preparazione

L’esame dei linfociti si effettua attraverso un prelievo di sangue da una vena del braccio.

 

Valori dei linfociti

I valori di riferimento dei linfociti possono cambiare per la maggior parte degli analiti in funzione dell’età, del sesso e anche della strumentazione in uso nel singolo laboratorio. È pertanto preferibile consultare i range forniti dal laboratorio direttamente sul referto.

Si ricorda inoltre che è importante che i risultati delle analisi vengano valutati nell’insieme dal proprio medico di fiducia che conosce il quadro anamnestico del proprio paziente.

Prenota una visita
I numeri di Humanitas
  • 2.3 milioni visite
  • +56.000 pazienti PS
  • +3.000 dipendenti
  • 45.000 pazienti ricoverati
  • 780 medici