COME TI POSSIAMO AIUTARE?

Centralino
+39 02 8224 1

Se hai bisogno di maggiori informazioni contattaci telefonicamente

Prenotazioni Private
+39 02 8224 8224

Prenota una visita in privato o con assicurazione telefonicamente, oppure direttamente online

Centri

IBD Center
0282248282
Dipartimento di Gastroenterologia
02 8224 82224
Ortho Center
02 8224 8225
Cancer Center
02 8224 6280
Fertility Center
02 8224 4646
Centro Odontoiatrico
0282246868
Cardio Center
02 8224 4330
Centro Obesità
02 8224 6970
Centro Oculistico
02 8224 2555
Centro Diagnostico Privato
02 8224 2100

Pitahaya

Che cos’è la pitahaya?

La pitahaya è il frutto dell’Hylocereus undatus (pitahaya rossa), specie appartenente alla famiglia delle Cactaceae. Nota anche come pitaya o dragon fruit, si pensa che si tratti di un frutto originario dell’America Centrale (in particolare, del Messico e del Guatemala). La sua polpa può essere sia bianca che rossa, ed è cosparsa di piccoli semi.

Esiste anche una pitahaya gialla che viene utilizzata in modo simile a quella rossa. Oltre che come tali, entrambi i frutti possono essere anche l’ingrediente per dolci, marmellate, sorbetti e bevande (ad esempio l’agua de pitaya).

 

 

Quali sono le proprietà nutrizionali?

100 g di pitahaya intera (di cui sono edibili circa 55 g) apportano 35-50 Calorie e contengono all’incirca:

La pitahaya è una fonte di flavonoidi e fitoalbumine.

 

 

Quando non mangiare la pitahaya?

Non risultano interazioni fra il consumo di pitahaya e l’assunzione di farmaci o altre sostanze. In caso di dubbi è bene chiedere consiglio al proprio medico.

 

 

Stagionalità della pitahaya

Le piante di pitahaya rossa possono produrre frutti per 4-6 volte all’anno. Non si tratta di alimenti facilmente reperibili sul mercato italiano; in genere è più facile trovarli nei mercati e nei supermercati nel periodo natalizio.

 

 

Possibili benefici e controindicazioni

Questo frutto è una fonte di molecole antiossidanti e secondo alcuni studi preliminari potrebbe aiutare a ridurre i livelli di colesterolo nel sangue, a prevenire il diabete e a promuovere la guarigione delle ferite. Tra i benefici che gli vengono tradizionalmente attribuiti sono inoltre incluse le capacità di migliorare l’appetito, di aiutare la perdita di peso e di migliorare la vista e la memoria.

 

 

 

Disclaimer
Le informazioni riportate rappresentano indicazioni generali e non sostituiscono in alcun modo il parere medico. Per garantirsi un’alimentazione sana ed equilibrata è sempre bene affidarsi ai consigli del proprio medico curante o di un esperto di nutrizione.

Prenota una visita
I numeri di Humanitas
  • 2.3 milioni visite
  • +56.000 pazienti PS
  • +3.000 dipendenti
  • 45.000 pazienti ricoverati
  • 780 medici