COME TI POSSIAMO AIUTARE?

centralino

Se hai bisogno di maggiori informazioni contattaci telefonicamente

PRENOTAZIONI PRIVATE

Prenota una visita in privato o con assicurazione telefonicamente, oppure direttamente online CLICCANDO QUI

cancer center
+39 02 8224 6280
Cardio Center
+39 02 8224 4330
centro obesità
+39 02 8224 6970
centro oculistico
+39 02 8224 2555
fertility center
+39 02 8224 4646
centro odontoiatrico
+39 02 8224 6868
Centro per le malattie infiammatorie croniche dell’intestino
+39 02 8224 8282
Lab Centro Diagnostico Privato
+39 02 8224 8224
Ortho center
+39 02 8224 8225

Guava

 

Che cos'è la guava?

 

La guava è il frutto dell'albero Psidium gujava L., specie appartenente alla famiglia delle Myrtacee di cui esistono diverse varietà. Originaria del Messico e dell'America Centrale, ma oggi questa pianta è diffusa in tutte le aree calde a clima tropicale.

La sua buccia si colora delle tonalità del giallo e del verde, mentre la polpa può essere bianca, giallognola, rosa o rosso intenso. Viene consumato sia fresco sia sotto forma di succhi e prodotti in scatola o disidratati. Trova inoltre impiego nella produzione di bevande varie, formaggi, gelati, marmellate, sciroppi, toffee e gelatine.

 

 

Quali sono le proprietà nutrizionali della guava?

 

La parte commestibile della guava fornisce 20 calorie ogni 100 gr corrispondenti per:

  • 64% a carboidrati
  • 22% a lipidi
  • 14% a proteine
  • e associate a 87,2 g di acqua

Gli zuccheri solubili sono 3,5 gr, mentre l'apporto di fibra è pari a 5,4 gr ogni 100 gr di frutto.

Fra i micronutrienti ci sono:

  • 423 mg di vitamina C
  • 82 µg di vitamina A (retinolo equivalente)
  • 1 mg di vitamina B3 o pp (niacina)
  • 0,04 mg di vitamina B2 (riboflavina)
  • 0,03 mg di vitamina B1 (tiamina)
  • 150 mg di potassio
  • 10 mg di calcio
  • 0,2 mg di ferro
  • 4 mg di sodio

L'odore tipico di questo frutto è dovuto alla presenza di composti carbonilici; quando non è maturo è ricco anche di tannini. Il principale composto presente nella buccia è l'acido ascorbico.

Nelle foglie di guava si trovano invece:

  • alcaloidi
  • antocianine
  • carotenoidi
  • oli essenziali
  • acidi grassi
  • flavonoidi (soprattutto querceina)
  • lectine
  • fenoli
  • saponine
  • tannini
  • triterpeni

Anche la corteccia dell'albero contiene tannini, cui si aggiungono cristalli di ossalato di calcio. Infine, i semi sono ricchi di glicina, amido, flavonoidi e composti fenolici, mentre l'olio essenziale è fonte di alfa-pinene, cariofillene, cineolo, D-limonene, eugenolo e miricina.

 

 

Quando non mangiare la guava?

 

Da un punto di vista puramente teorico la guava potrebbe potenziare l'effetto di medicinali utilizzati nel trattamento del diabete o della diarrea. Mancano però le prove cliniche di tale interazione.

 

 

Stagionalità della guava

 

Non c'è una stagionalità specifica per la raccolta della guava. In alcune aree la pianta può andare a frutto anche due volte all'anno, e in genere la guava è disponibile durante tutto l'anno.

 

 

Possibili benefici della guava

 

Non sono disponibili studi clinici in grado di confermare senza dubbi l'efficacia dell'assunzione di guava a scopo medicamentoso; alcuni indizi suggeriscono però che questo frutto o suoi derivati potrebbero essere utile in caso di diarrea, diabete di tipo 2, dismenorrea, iperlipidemia e ipertensione. In particolare, alcuni studi hanno valutato l'efficacia antidiarroica di un estratto di guava; contro la dismenorrea è stata invece valutata l'assunzione di un estratto di foglie; nel caso delle iperlipidemie e dell'ipertensione è stato invece valutato l'effetto del consumo del frutto a dosi pari a 0,4-1 kg al giorno per 4-12 settimane.

Per quanto riguarda il suo uso come rimedio delle medicina popolare, il frutto viene utilizzato come tonico e lassativo e per trattare sanguinamenti gengivali.

 

Possibili controindicazioni della guava

L'unica controindicazione alla sua assunzione sembra essere l'ipersensibilità.

 

Disclaimer

Le seguenti informazioni rappresentano indicazioni generali e non sostituiscono in alcun modo il parere medico. Per garantirsi un'alimentazione sana ed equilibrata è sempre bene affidarsi ai consigli del proprio medico curante o di un esperto di nutrizione.