COME TI POSSIAMO AIUTARE?

Centralino
+39 02 8224 1

Se hai bisogno di maggiori informazioni contattaci telefonicamente

Prenotazioni Private
+39 02 8224 8224

Prenota una visita in privato o con assicurazione telefonicamente, oppure direttamente online

Centri

IBD Center
0282248282
Dipartimento di Gastroenterologia
02 8224 8224
Ortho Center
02 8224 8225
Cancer Center
02 8224 6280
Fertility Center
02 8224 4646
Centro Odontoiatrico
0282246868
Cardio Center
02 8224 4330
Centro Obesità
02 8224 6970
Centro Oculistico
02 8224 2555
Centro Diagnostico Privato
02 8224 2100

Cocomero

Che cos’è il cocomero?

Il cocomero è il frutto del Cocos nucifera, specie appartenente alla famiglia delle Cucurbitaceae che si pensa essere nativa dell’Africa e che in seguito è stata portata in Asia, Europa e Nord America. Attualmente il principale produttore di cocomero a livello mondiale è la Cina.

 

 

Quali sono le proprietà nutrizionali del cocomero?

100 g di cocomero (parte edibile) apportano 16 Calorie ripartite come segue:

  • 89% carboidrati
  • 10% proteine
  • 1% lipidi

In particolare, 100 grammi di cocomero apportano:

  • 95,3 g di acqua
  • 0,4 g di proteine
  • 3,7 g di zuccheri solubili
  • 0,2 g di fibre, di cui:
  • 0,02 g di fibra solubile
  • 0,2 g di fibra insolubile

Fra le vitamine e i minerali, 100 g di cocomero apportano:

Il cocomero è inoltre ricco di composti fenolici, inclusi flavonoidi, carotenoidi (in particolare beta-carotene e licopene) e triterpenoidi (in particolare di cucurbitacina E).

 

 

Quando non mangiare il cocomero?

Non risultano interazioni fra il consumo alimentare di cocomero e l’azione di farmaci.

 

 

Stagionalità del cocomero

In Italia la stagione del cocomero è limitata ai mesi di luglio e agosto.

 

 

Possibili benefici e controindicazioni del cocomero

Insieme ai pomodori, il cocomero è uno dei frutti a più elevato contenuto di licopene, carotenoide dalle proprietà benefiche nei confronti dell’apparato cardiovascolare e, secondo alcune più recenti ricerche, delle ossa. Inoltre questo frutto è fonte di citrullina, un aminoacido che una volta nell’organismo viene convertito ad arginina; quest’ultima può promuovere la buona salute cardiovascolare. I composti fenolici del cocomero forniscono invece una protezione antinfiammatoria e antiossidante; a quest’ultima contribuisce anche la vitamina C, presente in questo frutto in quantità abbondanti.

Non sono noti rischi specifici associati al consumo alimentare di melone, che è considerato un frutto poco allergenico e che secondo la Shopper’s Guide to Pesticides 2015 dell’Environmental Working Group non è incluso nell’elenco dei prodotti più a rischio di contaminazione da pesticidi.

 

 

Disclaimer

Le seguenti informazioni rappresentano indicazioni generali e non sostituiscono in alcun modo il parere medico. Per garantirsi un’alimentazione sana ed equilibrata è sempre bene affidarsi ai consigli del proprio medico curante o di un esperto di nutrizione.

Prenota una visita
I numeri di Humanitas
  • 2.3 milioni visite
  • +56.000 pazienti PS
  • +3.000 dipendenti
  • 45.000 pazienti ricoverati
  • 780 medici