COME TI POSSIAMO AIUTARE?

Centralino
+39 02 8224 1

Se hai bisogno di maggiori informazioni contattaci telefonicamente

Prenotazioni Private
+39 02 8224 8224

Prenota una visita in privato o con assicurazione telefonicamente, oppure direttamente online

Centri

IBD Center
0282248282
Dipartimento di Gastroenterologia
02 8224 82224
Ortho Center
02 8224 8225
Cancer Center
02 8224 6280
Fertility Center
02 8224 4646
Centro Odontoiatrico
0282246868
Cardio Center
02 8224 4330
Centro Obesità
02 8224 6970
Centro Oculistico
02 8224 2555
Centro Diagnostico Privato
02 8224 2100

Cedro

Che cos’è il cedro?

Il cedro è il frutto del Citrus medica, specie appartenente alla famiglia delle Rutaceae considerata capostipite di tutti gli agrumi. Originario dell’India e della Birmania, sembra essere presente in Italia almeno dal III secolo prima di Cristo, dove sarebbe arrivato passando dalla Persia prima e dai Paesi mediterranei poi. Oggi è particolarmente diffuso al Sud, soprattutto in Campania, Calabria e Sicilia.

I frutti possono avere forma tondeggiante, ovale o oblunga, e a volte (come nel caso del cedro mano di Buddha) possono presentare delle protuberanze. In cucina ne viene utilizzata soprattutto la scorza candita. Inoltre la buccia del cedro è impiegata per produrre sciroppi, infusioni alcoliche e acque di cedro. Con il succo di cedro vengono invece preparate delle bibite.

 

 

Quali sono le proprietà nutrizionali?

100 g di cedro fresco apportano solo 11 Calorie.

La stessa quantità di cedro candito – una delle forme più utilizzate – apporta invece circa 190 Calorie e:

  • 17 g di acqua
  • 49,4 g di carboidrati, fra cui 3,3 g di fibre
  • 0,2 g di lipidi
  • 2 mg di vitamina C
  • 55 mg di calcio
  • 27 mg di sodio

Il cedro è inoltre una fonte di flavonoidi (in particolare di esperidina).

 

 

Quando non mangiare il cedro?

Non risultano interazioni specifiche fra il consumo di cedro e l’assunzione di farmaci o altre sostanze. È però noto che diversi agrumi possono interferire con l’assunzione delle molecole metabolizzate dal CYP3A4. Per questo in caso di dubbi è bene chiedere consiglio al proprio medico.

 

 

Stagionalità del cedro

La fioritura principale per la fruttificazione del cedro è quella estiva. Tuttavia, l’albero fiorisce di continuo e i suoi frutti sono disponibili anche a novembre e dicembre.

 

 

Possibili benefici e controindicazioni

Il cedro è utilizzato a scopo medicinale soprattutto sotto forma di infusi. Considerato una preziosa fonte di minerali e di vitamina C, apporta molecole dalle proprietà antiossidanti, ma non solo. Sembra infatti che bere a digiuno una tazza di succo di cedro allungato con acqua calda abbia un effetto lassativo e aiuti a stimolare l’evacuazione. Inoltre al cedro sono attribuite proprietà digestive, germicide e disinfettanti, carminative e antipertensive. A volte viene consigliato contro la cistite, i problemi renali e la cellulite e per stimolare la crescita dei capelli.

 

 

 

Disclaimer
Le informazioni riportate rappresentano indicazioni generali e non sostituiscono in alcun modo il parere medico. Per garantirsi un’alimentazione sana ed equilibrata è sempre bene affidarsi ai consigli del proprio medico curante o di un esperto di nutrizione.

Prenota una visita
I numeri di Humanitas
  • 2.3 milioni visite
  • +56.000 pazienti PS
  • +3.000 dipendenti
  • 45.000 pazienti ricoverati
  • 780 medici