COME TI POSSIAMO AIUTARE?

centralino

Se hai bisogno di maggiori informazioni contattaci telefonicamente

PRENOTAZIONI PRIVATE

Prenota una visita in privato o con assicurazione telefonicamente, oppure direttamente online CLICCANDO QUI

cancer center
+39 02 8224 6280
Cardio Center
+39 02 8224 4330
centro obesità
+39 02 8224 6970
centro oculistico
+39 02 8224 2555
fertility center
+39 02 8224 4646
centro odontoiatrico
+39 02 8224 6868
Centro per le malattie infiammatorie croniche dell’intestino
+39 02 8224 8282
Lab Centro Diagnostico Privato
+39 02 8224 8224
Ortho center
+39 02 8224 8225

Tè bianco

Che cos'è il tè bianco?

Il tè è una bevanda che si ottiene per infusione delle foglie della pianta Camellia sinensis (o Camellia theifera o Thea sinensis) della famiglia delle Teacee. Viene coltivata sin dall'antichità in India, Cina e Giappone; più recentemente in Indonesia, sul Caucaso, in Africa orientale e nell'America Meridionale. Quando cresce allo stato selvatico arriva a svilupparsi in modo molto simile a un albero (può raggiungere i due metri di altezza), mentre quando viene coltivata assume un aspetto più somigliante a un cespuglio basso e ramificato. Le foglie sono sempreverdi e hanno diverse forme. Attualmente esistono diversi tipi di tè (tra cui tè bianco, tè nero, tè verde, tè oolong), che differiscono tra loro per il procedimento di lavorazione, che rappresenta il fattore più rilevante per la differenziazione del prodotto finito.
Il tè bianco viene così chiamato perché ottenuto selezionando unicamente i germogli di tè ricoperti di una peluria bianco-argento. Viene prodotto facendo appassire all'aria le foglie di tè dopo la raccolta. È parzialmente ossidato (l'ossidazione è una reazione chimica che avviene spontaneamente nelle foglie di tè).

 

Quali sono le proprietà nutrizionali?

Il bianco (che risulta parzialmente ossidato) condivide molte caratteristiche nutrizionali con il tè verde (che non subisce alcuna ossidazione): dal punto di vista nutrizionale possono essere considerati simili. Cento millilitri (circa 100 grammi) di tè verde (infuso preparato con acqua) apportano circa una Caloria e contengono approssimativamente:

Il tè bianco contiene inoltre discreti quantitativi di caffeina (circa 15 mg ogni 100 ml di infuso): una tazza da 200 ml contiene dunque circa 30 mg di caffeina.

 

Quando non bere il tè bianco?

A oggi non sono note interazioni tra il consumo di tè bianco e l'assunzione di farmaci o di altre sostanze. Poiché, però, il tè bianco contiene caffeina (circa 15 mg ogni 100 ml di infuso), è preferibile non far consumare questa bevanda ai bambini.

 

Reperibilità del tè bianco

Il tè bianco è facilmente reperibile tutto l'anno.

 

Possibili benefici e controindicazioni

Per le sue peculiari caratteristiche nutrizionali il tè bianco è considerato il più pregiato dei tè. In particolare risulta ricco di polifenoli, sostanze antiossidanti che esercitano sul nostro organismo diverse azioni benefiche e protettive: sono infatti in grado di ridurre il danno a carico delle cellule, con effetti antietà e antitumorali.

Apportano inoltre benefici al sistema cardiovascolare in quanto prevengono l'ipertensione, l'aterosclerosi e altre patologie a carico del sistema cardiovascolare. I polifenoli del tè bianco agirebbero inoltre positivamente sul cervello, proteggendolo dall'invecchiamento e dalla demenza, sulla pelle, mantenendola giovane più a lungo e su denti e ossa, rinforzandoli. Diversi studi ascrivono inoltre a questo tipo di tè proprietà antibatteriche e anti-stress. Grazie alla presenza delle metilxantine (quali caffeina, teofillina e teobromina) che esercitano effetti biologici sugli adipociti, il tè bianco accelera il metabolismo dei grassi, facilitando il dimagrimento.
Quanto alle controindicazioni, è bene ricordare che il tè bianco contiene caffeina: se consumato in elevate quantità può comportare disturbi come ansia, nervosismo e insonnia.

 

 

Disclaimer

Le informazioni riportate rappresentano indicazioni generali e non sostituiscono in alcun modo il parere medico. Per garantirsi un'alimentazione sana ed equilibrata è sempre bene affidarsi ai consigli del proprio medico curante o di un esperto di nutrizione.