COME TI POSSIAMO AIUTARE?

Centralino
+39 02 8224 1

Se hai bisogno di maggiori informazioni contattaci telefonicamente

Prenotazioni Private
+39 02 8224 8224

Prenota una visita in privato o con assicurazione telefonicamente, oppure direttamente online

Centri

Ortho Center
02 8224 8225
Cancer Center
02 8224 6280
Fertility Center
02 8224 4646
Neuro Center
02 8224 8201
Cardio Center
02 8224 4330
Centro Obesità
02 8224 6970
Centro Oculistico
02 8224 2555

Mate

Che cos’è il mate?

Il mate (o yerba mate) è una bevanda ottenuta dall’infusione delle foglie di Ilex paraguariensis, pianta nativa del Sud America appartenente alla famiglia delle Aquifoliaceae.

 

 

Quali sono le proprietà nutrizionali?

L’apporto calorico e le proprietà nutrizionali del mate variano da infuso a infuso. In media un cucchiaio e mezzo di foglie di Ilex paraguariensis apportano 5 Calorie.

Fra le vitamine e i minerali, il mate contiene:

Il mate è una fonte di polifenoli (come l’acido caffeico, la caffeina, l’acido clorogenico,la quercetina, il kempferolo, l’acido chinico, la rutina e la teobromina) e di saponine.

 

 

Quando non consumare il mate?

A causa dell’apporto di caffeina, il mate può aumentare l’effetto dell’efedrina, delle anfetamine e della cocaina. Inoltre il consumo di questa bevanda potrebbe interferire con molti farmaci, dal litio ad alcuni antibiotici. L’entità dell’interazione è variabile; in caso di dubbi è bene chiedere consiglio al proprio medico.

 

 

Reperibilità del mate

Il mate è reperibile sul mercato tutto l’anno.

 

 

Possibili benefici e controindicazioni

Sebbene non vi siano prove scientifiche sufficienti, il consumo di mate viene consigliato per migliorare le performance mentali e in caso di diabete e prediabete, colesterolo alto, obesità, osteoporosi, costipazione, depressione, infezioni delle vie urinarie, malattie cardiache, calcoli ai reni e alla cistifellea, affaticamento psicologico e sindrome da fatica cronica, ritenzione idrica, mal di testa e pressione bassa.

Consumare mate in grandi quantità o per un periodo prolungato di tempo può aumentare il rischio di cancro alla bocca, all’esofago, alla laringe, ai reni, alla vescica e al polmone, soprattutto se si fuma o se si bevono alcolici. La sua assunzione è sconsigliata durante gravidanza, allattamento e infanzia, in caso di alcolismo, se si soffre di ansia, disturbi emorragici, malattie cardiache, diabete, diarrea, sindrome dell’intestino irritabile, glaucoma, pressione alta o osteoporosi e se si fuma.

 

 

 

Disclaimer
Le informazioni riportate rappresentano indicazioni generali e non sostituiscono in alcun modo il parere medico. Per garantirsi un’alimentazione sana ed equilibrata è sempre bene affidarsi ai consigli del proprio medico curante o di un esperto di nutrizione.

Prenota una visita
I numeri di Humanitas
  • 2.3 milioni visite
  • +56.000 pazienti PS
  • +3.000 dipendenti
  • 45.000 pazienti ricoverati
  • 780 medici