COME TI POSSIAMO AIUTARE?

Centralino
+39 02 8224 1

Se hai bisogno di maggiori informazioni contattaci telefonicamente

Prenotazioni Private
+39 02 8224 8224

Prenota una visita in privato o con assicurazione telefonicamente, oppure direttamente online

Centri

Ortho Center
02 8224 8225
Cancer Center
02 8224 6280
Fertility Center
02 8224 4646
Centro Odontoiatrico
0282246868
Cardio Center
02 8224 4330
Centro Obesità
02 8224 6970
Centro Oculistico
02 8224 2555
Centro Diagnostico Privato
02 8224 2100

Karkadè

Che cos’è il karkadè?

Il karkadè è un infuso ottenuto a partire dal calice essiccato dei fiori di Hibiscus sabdariffa, pianta perenne appartenente alla famiglia delle Malvaceae diffusa in Africa e in Asia.

 

 

Quali sono le proprietà nutrizionali?

100 g di karkadè apportano circa 37 Calorie e contengono circa:

  • 7 g di carboidrati, fra cui: 6 g di zuccheri e 0,3 g di fibra alimentare
  • 0,7 g di grassi, fra cui: 0,3 g di grassi saturi e 0,1 g di grassi monoinsaturi
  • 0,4 grammi di proteine

 

Fra le vitamine e i minerali, 100 grammi di karkadè contengono:

 

Quando non consumare il karkadè?

Le bevande a base di Hibiscus, come il karkadè, possono ridurre i livelli plasmatici di clorochina, riducendone l’efficacia. Inoltre bere karkadè prima di assumere paracetamolo può aumentare la velocità di eliminazione del farmaco dall’organismo. In caso di dubbi è bene chiedere consiglio al proprio medico.

 

 

Stagionalità del karkadè

I fiori di Hibiscus essiccati per preparare il karkadè sono reperibili sul mercato tutto l’anno.

 

 

Possibili benefici e controindicazioni

Il karkadè potrebbe aiutare a ridurre la pressione del sangue; secondo alcune ricerche infatti, estratti di Hibiscus assunti per via orale per quattro settimane, sarebbero efficaci come antipertensivi tanto quanto il farmaco captopril. Saranno però necessari ulteriori studi per confermare questi benefici.

Il consumo di Hibiscus durante la gravidanza è sconsigliato; alcuni dati suggeriscono infatti che potrebbe promuovere le perdite mestruali e quindi aumentare il rischio di aborto. Inoltre l’Hibiscus può ridurre i livelli ematici di zucchero e quindi deve essere assunto con cautela da chi è in trattamento farmacologico contro il diabete e da chi ha in programma un intervento chirurgico (è sempre bene chiedere consiglio a tal proposito al proprio medico). Infine, l’Hibiscus può abbassare la pressione.

 

 

 

Disclaimer
Le informazioni riportate rappresentano indicazioni generali e non sostituiscono in alcun modo il parere medico. Per garantirsi un’alimentazione sana ed equilibrata è sempre bene affidarsi ai consigli del proprio medico curante o di un esperto di nutrizione.

Prenota una visita
I numeri di Humanitas
  • 2.3 milioni visite
  • +56.000 pazienti PS
  • +3.000 dipendenti
  • 45.000 pazienti ricoverati
  • 780 medici