COME TI POSSIAMO AIUTARE?

centralino

Se hai bisogno di maggiori informazioni contattaci telefonicamente

PRENOTAZIONI PRIVATE

Prenota una visita in privato o con assicurazione telefonicamente, oppure direttamente online CLICCANDO QUI

cancer center
+39 02 8224 6280
Cardio Center
+39 02 8224 4330
centro obesità
+39 02 8224 6970
centro oculistico
+39 02 8224 2555
fertility center
+39 02 8224 4646
centro odontoiatrico
+39 02 8224 6868
Centro per le malattie infiammatorie croniche dell’intestino
+39 02 8224 8282
Lab Centro Diagnostico Privato
+39 02 8224 8224
Ortho center
+39 02 8224 8225

Globuli rossi: cosa sono e a cosa servono?

Cosa sono i globuli rossi? Dove si trovano e a cosa servono?



I globuli rossi sono le cellule più numerose del sangue e grazie all'emoglobina trasferiscono continuamente ossigeno e anidride carbonica, facendo la spola dai polmoni alle zone più periferiche del nostro corpo.

 

Cosa sono i globuli rossi?

I globuli rossi sono le cellule più numerose del sangue: circa 4-6 milioni ogni millimetro cubo. Essi sono chiamati anche emazie, oppure eritrociti e sono prodotti nel midollo osseo. Nell'uomo e in tutti i mammiferi, i globuli rossi sono privi di nucleo e hanno la forma di una lente biconcava.

I globuli rossi, contengono l'emoglobina, una proteina che trasporta ossigeno e anidride carbonica, un gas che si forma nei tessuti come prodotto di scarto. Nei polmoni avviene lo scambio tra l'ossigeno (contenuto nell'aria inspirata) e l'anidride carbonica che si era legata all'emoglobina nel sangue venoso: l'anidride carbonica è così eliminata nell'aria espirata, impedendone l'accumulo nel sangue e l'ossigeno trasportato a tutti i tessuti dell'organismo. La maggior parte dell'anidride carbonica è tuttavia trasportata dal plasma, sotto forma di carbonati in soluzione.

Nei globuli rossi dei mammiferi la mancanza del nucleo lascia più spazio all'emoglobina e la forma biconcava aumenta il rapporto tra la superficie e il volume citoplasmatico della cellula. Queste caratteristiche rendono più efficiente la diffusione dell'ossigeno da parte di queste cellule. I globuli rossi sono incapaci di movimento attivo ma sono elastici e deformabili, in modo da poter transitare anche nei vasi sanguigni più piccoli. Sopravvivono per poco più di tre mesi dalla loro immissione nel sangue circolante, dopodiché vengono catturati da cellule della milza e del fegato, dove vengono eliminati da cellule specializzate del sistema immunitario (macrofagi).

I globuli rossi si distinguono per la presenza o l'assenza sulla loro membrana cellulare di particolari proteine (antigeni), che impartiscono loro una specifica caratteristica e consentono di dividere il sangue in gruppi sanguigni tipici per ogni individuo e trasmessi ereditariamente. Nella nota "anemia falciforme", i globuli rossi assumono una caratteristica forma a falce. Con il microscopio elettronico, si è visto che i globuli rossi possono assumere forme assai diverse: normali (discociti), a bacca (crenati), a riccio o spinosi (echinociti), dentellati, a fuso, a falce, a elmetto, appuntiti, indentati, poichilociti, ecc.