COME TI POSSIAMO AIUTARE?

Centralino
+39 02 8224 1

Se hai bisogno di maggiori informazioni contattaci telefonicamente

Prenotazioni Private
+39 02 8224 8224

Prenota una visita in privato o con assicurazione telefonicamente, oppure direttamente online

Centri

Ortho Center
02 8224 8225
Cancer Center
02 8224 6280
Fertility Center
02 8224 4646
Centro Odontoiatrico
0282246868
Cardio Center
02 8224 4330
Centro Obesità
02 8224 6970
Centro Oculistico
02 8224 2555
Centro Diagnostico Privato
02 8224 2100

Paratiroidectomia

Che cos’è la paratiroidectomia?

La paratiroidectomia è un intervento che consiste nellasportazione chirurgica di una paratiroide ingrandita o iperfunzionante (per adenoma o iperplasia).

Tramite la paratiroidectomia si possono ottenere una normalizzazione dei livelli di paratormone (PTH – l’ormone rilasciato dalle ghiandole paratiroidi) e di conseguenza la riduzione dei livelli di calcio nel sangue, con conseguente risoluzione dei sintomi dell’iperpartiroidismo.

Chi esegue l’intervento?

L’otorinolaringoiatra (specialista della chirurgia della testa e del collo) eseguirà la paratiroidectomia. L’intervento deve mirare alla asportazione di tutto il parenchima paratiroideo patologico e ipersecernente. La scelta dellintervento dipende dal tipo di lesione causa dell’iperparatiroidismo e dal numero delle paratiroidi coinvolte. In caso di adenoma singolo paratiroideo, lintervento consiste nella paratiroidectomia, cioè nellexeresi (asportazione) della ghiandola patologica. In caso di iperparatiroidismo primario da iperplasia delle paratiroidi, lintervento indicato è la paratiroidectomia sub-totale (asportazione della quasi totalità del tessuto paratiroideo), con o senza autoinnesto di frammenti di tessuto paratiroideo in tasche muscolari (di solito nel collo).

Come viene eseguita la chirurgia paratiroidea?

Lintervento viene eseguito in anestesia generale, tramite una piccola incisione sul versante anteriore del collo (paratiroidectomia minimamente invasiva). Nell'85-90% dei pazienti con iperparatiroidismo primario, solo una ghiandola è anormale. Con l'uso di accurati studi di imaging preoperatorio (ecografia del collo e scintigrafia) si procede a localizzare la paratiroide patologica prima dell’intervento. Durante la procedura si procede al dosaggio intraoperatorio dell’ormone tramite prelievo ematico per verificare la buona riuscita della procedura. Il PTH, infatti, ha breve emivita: ciò significa che se la paratiroide iperfunzionante viene asportata con successo, i livelli dell’ormone circolante si abbasseranno nel giro di pochi minuti. Se i livelli di PTH diminuiscono in modo appropriato dopo la rimozione, l'operazione si conclude; in caso contrario il chirurgo continua a esaminare le restanti ghiandole paratiroidee.

L’intervento di paratiroidectomia viene eseguito prestando sempre maggiore attenzione ai risultati estetici e puntando a minimizzare la visibilità delle cicatrici con particolari punti di sutura intradermici realizzati in materiale riassorbibile.

Quando si può tornare al lavoro?

Si può tornare al lavoro entro una-due settimane dall’intervento.