COME TI POSSIAMO AIUTARE?

centralino

Se hai bisogno di maggiori informazioni contattaci telefonicamente

PRENOTAZIONI PRIVATE

Prenota una visita in privato o con assicurazione telefonicamente, oppure direttamente online CLICCANDO QUI

cancer center
+39 02 8224 6280
Cardio Center
+39 02 8224 4330
centro obesità
+39 02 8224 6970
centro oculistico
+39 02 8224 2555
fertility center
+39 02 8224 4646
centro odontoiatrico
+39 02 8224 6868
Centro per le malattie infiammatorie croniche dell’intestino
+39 02 8224 8282
Lab Centro Diagnostico Privato
+39 02 8224 8224
Ortho center
+39 02 8224 8225

Diagnosi del carcinoma prostatico

La diagnosi di carcinoma prostatico viene eseguita mediante biopsie multiple della ghiandola in anestesia locale. E’ importante sottolineare che, ad oggi, non esistono scientificamente ulteriori comprovati metodi alternativi per la diagnosi di certezza.

Si procede ad una ecografia accurata della prostata per via trans-rettale o trans-perineale, utile per misurare il volume prostatico, calcolare la PSAD (PSA density) e consentire il puntamento bioptico, secondo schemi internazionali in evoluzione.

Completate le misurazioni prostatiche, si procede al mappaggio bioptico dell’intera ghiandola (ambulatoriamente o in regime di Day Hospital, a seconda delle caratteristiche del paziente). La biopsia può anche essere ripetuta più volte, qualora il rischio di tumore sia ancora presente nonostante una precedente biopsia negativa.

In Humanitas la biopsia viene eseguita per via trans-rettale con ecodoppler associato, in anestesia locale. L'ausilio del mezzo di contrasto ecografico è attualmente in studio controllato, in collaborazione con l’Unità Operativa di Ecografia. Sono inoltre in corso studi sull'utilizzo dei mezzi di contrasto ecografici che potrebbero risultare utili per visualizzare le aree sospette.

Successivamente vengono analizzati i frustoli di prostata ottenuti (diametro di 1 mm circa, lunghezza 12 mm).

L’analisi anatomopatologica al microscopio consente di evidenziare la presenza del tumore e di classificarlo con un punteggio (Gleason score) che fornisce una valutazione dell’a ggressività. Un tumore la cui struttura cellulare è simile al tessuto normale (Gleason basso) è meno probabile che risulti aggressivo nel tempo, contrariamente a neoplasie che hanno perso le caratteristiche cellulari delle cellule normali (Gleason elevato).