COME TI POSSIAMO AIUTARE?

centralino

Se hai bisogno di maggiori informazioni contattaci telefonicamente

PRENOTAZIONI PRIVATE

Prenota una visita in privato o con assicurazione telefonicamente, oppure direttamente online CLICCANDO QUI

cancer center
+39 02 8224 6280
Cardio Center
+39 02 8224 4330
centro obesità
+39 02 8224 6970
centro oculistico
+39 02 8224 2555
fertility center
+39 02 8224 4646
centro odontoiatrico
+39 02 8224 6868
Centro per le malattie infiammatorie croniche dell’intestino
+39 02 8224 8282
Lab Centro Diagnostico Privato
+39 02 8224 8224
Ortho center
+39 02 8224 8225

CINE RM al cuore

Che cos'è la CINE RM al cuore?

La CINE RM al cuore è una risonanza magnetica che permette di analizzare nel dettaglio il muscolo cardiaco in movimento. Prevede l'acquisizione di immagini che vengono poi riorganizzate in un video dinamico.

A cosa serve la CINE RM al cuore?

La CINE RM permette di studiare l'anatomia e il funzionamento del cuore e sue eventuali malattie, sia congenite che acquisite. I dati che si ottengono da questo studio sono considerati il "gold standard" cioè le misure più affidabili che si possano ottenere al giorno d'oggi per lo studio dei volumi, della massa e della funzione del cuore. Consente inoltre di studiare gli atrii, i grandi vasi e la loro portata, e la funzione delle valvole cardiache.
Ogni studio del cuore con risonanza comprende un'acquisizione in "Cine RM".

Sono previste particolari norme di preparazione?

La CINE RM al cuore non richiede particolari preparazioni a meno che sia previsto l'uso di un mezzo di contrasto. In questo caso è necessario presentarsi a digiuno da almeno 4 ore. Utile portare sempre in visione un esame recente della funzione renale (creatinina) e informare il personale sanitario di eventuali allergie.
Prima dell'esame verrà chiesto di togliere oggetti di metallo o magnetici, trucco e lenti a contatto. Non vi sono problemi per i portatori di stent coronarici, di suture sternali post-cardiochirurgiche, di impianti odontoiatrici.

Se l'esame prevede anche lo studio della perfusione sotto stress farmacologico, il paziente dovrà astenersi dall'assunzione di tè, caffè, cioccolata e bibite energetiche nelle 12 ore precedenti l'esame.
Trattandosi di un esame di II o III livello, è indispensabile che il paziente porti con sé TUTTA la documentazione cardiologica disponibile, al fine di chiarire senza dubbi il quesito diagnostico: da questo dipenderà il protocollo di studio; la mancata acquisizione di alcune sequenze può render superfluo l'esame di cardioRM, mentre l'acquisizione di tutte le possibili sequenze non è praticabile in quanto comporterebbe una durata inaccettabile dell'esame di cardio RM (2 o più ore).

Quali pazienti possono sottoporsi all'esame?

Non possono sottoporsi a questo tipo di esame i portatori di pacemaker o di dispositivi ad attivazione magnetica - come elettrodi e neurostimolatori - e i portatori di protesi di non accertabile compatibilità con i campi magnetici. È sconsigliata nel primo trimestre di gravidanza.
I pazienti portatori di P-M compatibili con studi di Risonanza dovranno segnalare la loro presenza al momento della prenotazione e verranno inseriti su agende speciali, a loro dedicate. Nel caso esistano dubbi sulla presenza nel corpo di parti metalliche il paziente dovrà informarne il personale medico che potrà disporre l'esecuzione preliminare di radiogrammi che consentano di verificarne l'effettiva presenza.

È un esame doloroso o pericoloso?

L'esame non risulta né doloroso né pericoloso. L'unico fastidio può essere causato dal rumore del macchinario in funzione. Saranno fornite delle cuffie per ridurre il rumore percepito.

Come funziona la CINE RM al cuore?

Il paziente viene fatto sdraiare su un lettino, dove gli verranno applicati gli elettrodi per il monitoraggio del battito cardiaco e le bobine di superficie necessarie per l'analisi, che non provocano nessun dolore. Per la buona riuscita della risonanza magnetica è fondamentale che il paziente riesca a trattenere il fiato per almeno dieci secondi: le acquisizioni vengono effettuate in apnea e con monitoraggio del battito cardiaco, al fine di eliminare gli artefatti da movimento cardiaco e respiratorio.
Con ogni probabilità verrà somministrato per via endovenosa un mezzo di contrasto, circa a metà dell'esame.
La durata dell'esame è variabile da caso a caso, con una media di 30 minuti.