COME TI POSSIAMO AIUTARE?

Centralino
+39 02 8224 1

Se hai bisogno di maggiori informazioni contattaci telefonicamente

Prenotazioni Private
+39 02 8224 8224

Prenota una visita in privato o con assicurazione telefonicamente, oppure direttamente online

Centri

IBD Center
0282248282
Dipartimento di Gastroenterologia
02 8224 8224
Ortho Center
02 8224 8225
Cancer Center
02 8224 6280
Fertility Center
02 8224 4646
Centro Odontoiatrico
0282246868
Cardio Center
02 8224 4330
Centro Obesità
02 8224 6970
Centro Oculistico
02 8224 2555

Radiografia del bacino (RX Bacino) e delle anche (RX anche)


Che cos’è la radiografia del bacino e delle anche?

L’esame radiografico del bacino e delle anche è un esame radiologico condotto mediante l’utilizzo di raggi X che riescono ad attraversare il corpo umano e a imprimersi in modo fotografico. Il risultato è un’immagine che evidenzia in modo differente ossa e scheletro rispetto ai tessuti molli (muscoli e pelle), perché le ossa sono strutture più compatte e appaiono più chiare rispetto agli altri tessuti.
Attualmente le tecniche RX producono un’immagine digitale che viene scannerizzata (computed radiography) o elaborata tramite un rilevatore (digital radiography). Anche se si parla ancora di “lastra” radiografica, nell’uso comune, oggi i risultati dell’esame vengono consegnati al paziente in formato digitale, generalmente su CD e DVD.

A cosa serve la radiografia del bacino e delle anche?

La radiografia del bacino e delle anche, in particolare, consente di visualizzare il sistema osteo-articolare pelvico.
Questo esame dà informazioni sulle strutture ossee e sui rapporti articolari e consente di valutare la conformazione scheletrica del cingolo pelvico e può essere utile per la diagnosi nei casi di:

  • Coxartrosi o artrosi dell’anca, consente di verificare le conseguenze sulle articolazioni dei processi artrosici.
  • Displasia dell’anca.
  • Conflitto femoro-acetabolare.
  • Anca a scatto.
  • Frattura, sia nei casi di frattura da traumi che di fratture causate da una debolezza dell’osso dovuta a lesioni già esistenti.
  • Per valutare la guarigione dell’osso dopo una frattura (per evidenziare la formazione del callo osseo) oppure in seguito a interventi chirurgici che interessano le ossa (protesi, mezzi di sintesi, chiodi, etc.).
  • Per escludere o verificare la presenza di patologie di natura tumorale (lesioni focali benigne o maligne).
  • In vista di un intervento chirurgico (ad esempio per un impianto protesico) e per controllarne gli effetti nel tempo.
  • Nel caso di processi degenerativi che provocano alterazioni di ossa e articolazioni, come le artrosi, provocando dolore cronico o problemi al movimento.
  • Nel caso di processi infiammatori, come l’artrite, o infettivi.
  • Per evidenziare lo stato di usura della cartilagine delle articolazioni.

Sono previste norme di preparazione?

Per consultare eventuali norme di preparazione all’esame, è possibile visitare la pagina dedicata (cliccando qui).

Chi può effettuare la radiografia del bacino e delle anche?

L’esame può essere effettuato da tutti, a eccezione delle donne in gravidanza.

La radiografia del bacino e delle anche è dolorosa o pericolosa?

L’esame radiologico è di facile esecuzione, non invasivo e sicuro. Gli effetti delle radiazioni sull’organismo sono ormai noti e noti sono anche i potenziali rischi, ma le dosi di radiazioni adoperate oggi per eseguire l’esame ed il tempo di esposizione si è ridotto significativamente rispetto agli anni passati con un vantaggio per i pazienti. L’uso di apparecchiature radiologiche di ultima generazione, di tipo digitale, e le nuove procedure di schermatura per proteggere le parti più radiosensibili dell’organismo hanno ridimensionato ulteriormente i rischi.

Come funziona la radiografia del bacino e delle anche?

L’esame dura circa dieci minuti. Tempi più lunghi sono richiesti solo per esami particolarmente complessi o quando è necessario ottenere più immagini. L’esame radiologico dell’anca viene condotto facendo stendere il paziente su un lettino con l’area del bacino e delle anche in corrispondenza dell’apparecchiatura radiografica. Al paziente viene richiesto, piegando gli arti inferiori o facendo ruotare il bacino, di assumere la posizione richiesta a seconda delle necessità diagnostiche, dei sintomi e della patologia esaminata. Il paziente senza problemi di mobilità non ha bisogno di essere accompagnato e può tornare a casa subito dopo l’esame.