COME TI POSSIAMO AIUTARE?

Centralino
+39 02 8224 1

Se hai bisogno di maggiori informazioni contattaci telefonicamente

Prenotazioni Private
+39 02 8224 8224

Prenota una visita in privato o con assicurazione telefonicamente, oppure direttamente online

Centri

IBD Center
0282248282
Dipartimento di Gastroenterologia
02 8224 8224
Ortho Center
02 8224 8225
Cancer Center
02 8224 6280
Fertility Center
02 8224 4646
Centro Odontoiatrico
0282246868
Cardio Center
02 8224 4330
Centro Obesità
02 8224 6970
Centro Oculistico
02 8224 2555

Metodiche di imaging avanzato


Con la terminologia “metodiche di imaging” si fa riferimento a diverse tecniche che vengono utilizzate per l’ottenimento o la produzione di immagini. In diagnostica medica le metodiche di imaging consentono di visualizzare una struttura anatomica, verificarne la funzionalità e la presenza di eventuali patologie. Oltre a informazioni morfo-strutturali, le tecniche di imaging possono fornire anche dati funzionali.
Per più di cinquant’anni la diagnostica per immagini in ambito medico si è basata su radiografia e radioscopia: più recentemente nuove invenzioni hanno rivoluzionato questo comparto con l’introduzione dell’ecografia, della medicina nucleare e della tomografia computerizzata (la prima tecnica di imaging assistita dal computer). Sono state poi introdotte le tecniche tomografiche di medicina nucleare PET (Positron Emission Tomography) e SPECT (Single Photon Emission Computed Tomography) e la risonanza magnetica (RM).
Le metodiche attualmente considerate di livello avanzato (“imaging avanzato”) sono dunque la tomografia computerizzata, l’ecotomografia, l’ecocolordoppler, la risonanza magnetica, la PET, la SPECT.

Che cosa sono le metodiche di imaging avanzato?

La tomografia computerizzata (in sigla TC, ma anche TAC, CAT, TC, CT, CT scan) è una tecnica di indagine radiologica che permette l’osservazione diretta su monitor dell’immagine dettagliata di sezioni di organi interni. Si basa sull’elaborazione elettronica computerizzata dei segnali ottenuti facendo passare attraverso un piano dell’organo in esame un fascio sottile di raggi X in grado di eseguire una scansione tridimensionale dell’organo stesso.

L’ecotomografia è una tecnica ultrasonografica analoga alla tomografia computerizzata che permette di rilevare tumori di almeno 2 cm di diametro.

L’ecocolordoppler, chiamato anche ecodoppler, è un’analisi ecografica che impiega un ecografo provvisto di sonda Doppler a segnale pulsato che permette di effettuare valutazioni emodinamiche e misurazioni di portata sanguigna.

La risonanza magnetica (RM) o risonanza magnetica nucleare (RMN) è una tecnica diagnostica per immagini basata sull’applicazione di un campo magnetico di elevata intensità al distretto corporeo da esaminare e in grado di produrre, attraverso l’elaborazione tomografica computerizzata dei segnali registrati, immagini degli organi interni.

La tomografia a emissione di positroni (PET) è un esame radiologico in cui l’immagine mostra la localizzazione intracorporea di un radionuclide che decade per emissione di positroni e viene ottenuta rivelando mediante rivelatori esterni le radiazioni gamma emesse dal paziente al quale il radionuclide è stato somministrato.

La tomografia computerizzata a emissione di fotoni singoli (SPECT) è un esame radiologico in cui l’immagine mostra la localizzazione intracorporea di un radionuclide che decade per emissione di singoli fotoni gamma e viene ottenuta rivelando le radiazioni gamma emesse dal paziente, trattato con il radionuclide, mediante rivelatori esterni.

A cosa servono le metodiche di imaging avanzato?

Le metodiche di imaging consentono di visualizzare una struttura anatomica e verificarne – quando possibile – la funzionalità e la presenza di eventuali patologie. Oltre a informazioni morfo-strutturali, le tecniche di imaging possono fornire anche dati funzionali.

Come si svolgono gli esami?

Le modalità di funzionamento differiscono da metodica a metodica.

Chi può effettuare l’esame?

Ognuna delle tecniche di imaging avanzato descritte ha delle caratteristiche differenti che andranno discusse con il medico.

Le tecniche di imaging avanzato sono un esame doloroso e/o pericoloso?

Nessuna delle tecniche di imaging avanzato descritte è di tipo invasivo, e nessuna risulta provocare dolore o esporre a pericolo il paziente; in alcuni casi (TC e RM) potrebbe essere percepibile un leggero fastidio dovuto alla puntura per la somministrazione del mezzo di contrasto.

Norme di preparazione

Per consultare eventuali norme di preparazione all’esame, è possibile visitare la pagina dedicata (cliccando qui).